Risparmio casa: a Lodi i pomodori evitano gli sprechi energetici

Risparmio casa: a Lodi i pomodori evitano gli sprechi energetici

A Maccastorna in provincia di Lodi è in lavorazione un progetto per risparmiare a casa sull’energia, utilizzando i pomodori come carburante green di un impianto di riscaldamento collettivo

da in Primo Piano, Risparmio Energetico, Tutela Ambientale, energia
Ultimo aggiornamento:

    risparmio casa lodi pomodori sprechi energetici

    Come fare per il risparmio a casa? Sentite questa: a Lodi i pomodori evitano gli sprechi energetici. Potrebbe sembrare incredibile, invece è proprio così. Si tratta di un’iniziativa curiosa che coinvolge il paese di Maccastorna, in provincia di Lodi in vista di un ideale risparmio energetico, che, oltre a far risparmiare economicamente le famiglie, permette di pensare alla salvaguardia dell’ambiente. Nello specifico l’idea è quella di mettere a punto un carburante ecologico per mezzo dell’utilizzo di pomodori, liquami bovini e trinciato di mais. Un’idea sicuramente a basso impatto ambientale.

    Il combustibile green verrà usato per un impianto di riscaldamento a vantaggio di tutte le case del paese. Non è di certo l’unico progetto al mondo piuttosto surreale che mira al risparmio all’insegna del rispetto dell’ambiente.


    Per esempio a questo proposito non si può non ricordare il risparmio casa green attuato dalla famiglia inglese che pratica il riciclaggio totale. Comportamenti ecocompatibili da cui tutti dovremmo trarre spunto per gestire al meglio i consumi della vita quotidiana.

    L’impianto di riscaldamento alimentato dal carburante ecocompatibile verrà costruito in un’azienda agricola, dalla quale partirà la diramazione della rete di distribuzione. Un considerevole risparmio di energia per ridurre la bolletta. Il progetto di Maccastorna, nato da un’intuizione di Antonio Biancardi, amministratore di una locale azienda che si occupa della lavorazione dei pomodori, sarà completato nel 2012. Nel frattempo gli sprechi di energia vanno tenuti d’occhio, per evitare brutte sorprese in bolletta.

    335

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Primo PianoRisparmio EnergeticoTutela Ambientaleenergia
    PIÙ POPOLARI