Pesci rossi, bocce vietate per la tutela e il benessere degli animali

Pesci rossi, bocce vietate per la tutela e il benessere degli animali
  • Commenti (3)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

pesci rossi bocce vetro

Avete dei pesci rossi in casa? Bene, sappiate che, se abitaste nel comune di Romano, in Lombardia, non potreste usare più come acquario la classica boccia piena d’acqua. È stato messo a punto un apposito regolamento municipale, che fa divieto di ricorrere ad acquari sferici o comunque a pareti curve per i pesci rossi, in vista della “tutela e del benessere degli animali“. Il tutto è nato in seguito alla proposta di Eva Pescali, assessore leghista. Se il regolamento dovesse essere violato, anche nelle case private, interverrà la polizia municipale con precise sanzioni.

Il comune di Romano vuole essere a tutti gli effetti amico degli animali, garantendo il possibile per la loro salvaguardia. Lo stesso assessore Pescali ha dichiarato a questo proposito: “Il regolamento ha l’obiettivo di fornire ulteriori strumenti concreti d’intervento ai cittadini e alla polizia municipale per realizzare una migliore e più solidale convivenza con gli animali cittadini, diffondendo anche la cultura del rispetto.”

Il regolamento è stato approvato, anche se c’è stato anche chi ha fatto notare come ci fossero altre priorità, anche sullo stesso argomento, nel rapporto fra uomini e animali. Ad esempio Emilio Tognoli ha spiegato come sarebbe stato importante vietare ai proprietari di animali di portarli nei parchi a fare i loro bisogni. Intanto ci si è concentrati sul problema delle bocce per i pesci rossi, probabilmente privilegiando la filosofia del “un passo alla volta“.

Il capogruppo leghista Roberto Ambrosini ha messo in evidenza l’importanza del raggiungimento dell’obiettivo della crescita culturale dei cittadini nel rapporto con gli animali.

Viene da pensare comunque se per questa crescita culturale basti vietare le bocce per i pesci rossi. Si tratta in effetti di una questione molto più complessa, che implica l’entrare in gioco di variabili differenti, le quali sicuramente vanno valutate con attenzione e cognizione di causa.

Rispettare gli animali e provvedere alla loro tutela significa molte cose: significa evitare tutti quei comportamenti che non ne garantiscono il benessere, perché si traducono i maltrattamenti veri e proprio o semplicemente nel non prendersi cura di essi. Da questo punto di vista le bocce per i pesci rossi non hanno di certo una priorità. Voi cosa ne pensate? Può essere l’inizio per qualcosa di più sostanziale?

419

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Ven 06/07/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Silvana Chiocconi 7 luglio 2012 08:05

Personalmente, se fossi chiusa in una sfera di vetro dove posso solo girare e girare, priva dello spazio che mi sarebbe naturale, forse anche senza una piantina per dare l’iilusione di un mondo adatto ad un pesce, diventerei pazza. Questa legge è giusta, però speriamo che si possa proseguire per la strada dell’educazione e di comprensione per i bisogni dei nostri animali domestici. A parte quella gente veramente pericolosa, dato la crescita delle statsitiche che dimostrano che chi fa male ad un animale è perfettamente capace di farlo anche ad un essere umano, la maggior parte della populazione non vuole maltrattare i loro animali, solo che non capisce i loro bisogni.

Rispondi Segnala abuso
Giuseppe 8 luglio 2012 11:21

Giusto non allevare animali di qualunque genere in spazi angusti non adatti a loro.
A questo punto proporrei il divieteo di tenere negli appartamenti i cani, specie quelli di grossa taglia, i quali vivono da reclusi mediamente 23,5 ore su 24.
Avrei molto da dire e da ridire sui sedicenti amici degli animali, e sulle loro iniziative a tutela degli stessi.

Rispondi Segnala abuso
Gianfranco 9 luglio 2012 03:00

Ma che cavolata, da quando in qua il pesce rosso nella boccia è maltrattamento?? allora i pesci nell’acquario cosa è stupro??

In giro c’è gente che spaccia e uccide e noi denunciamo il nostro vicino perche ha un pesce nella boccia??

Emilio Tognoli ha spiegato come sarebbe stato importante vietare ai proprietari di animali di portarli nei parchi a fare i loro bisogni…………..E dove lo devo portare il cane a fare i bisogni dentro casa?? almeno nei parchi è libero di correre e fare la cacca dove vuole lui.

Piccola nota io sono ornivoro ovvero mi piace sia la carne che le verdure ma questo non mi inpedisce di voler bene agli animali e rispettare la natura essere ambientalista non è una prerogativa dei vegetariani

Rispondi Segnala abuso
Seguici