Coltivare l’orto, antidoto contro la mortalità

Coltivare l’orto, antidoto contro la mortalità

Secondo Coldiretti, coltivare un orto permette di poter allungare la vita

da in Agricoltura Biologica, Alimenti Biologici, Educazione Alimentare, Spesa Biologica
Ultimo aggiornamento:

    Secondo quanto affermato da Coldiretti, dedicarsi alla cura di un giardino o dell’orto allungherebbe la vita. Sono soprattutto le persone di mezz’età a beneficiare dell’attività ricreativa, e al tempo stesso fisica, che la cura delle piante permette di intraprendere.

    Il problema fondamentale della nostra società è la scarsa attività fisica, cosa che espone le persone in età da –anta a diversi rischi fisici soprattutto di ordine cardiocircolatorio. I risultati della ricerca condotta da parte dell’Università di Uppsala, in Svezia, su un arco di tempo durato ben trentacinque anni hanno evidenziato come chiunque si dedichi ad attività ricreative a contatto con la natura, effettuando un’attività sportiva di bassa entità, possa guadagnare un anno di vita rispetto alle persone sedentarie. E se l’impegno fisico nell’orto è più intenso, gli anni guadagnati salgono a due.

    Tuttavia è necessario che l’appuntamento con l’attività fisica sia costante per almeno dieci anni, se si vuole ottenere un risultato significativo. L’hobby del giardinaggio e dell’orto fai da te è molto sentito nel nostro paese, in cui si calcola che sia almeno il 37% della popolazione (quattro italiani su dieci) a dedicarsi alle attività manuali a contatto con la terra.

    E piace molto anche ai giovani: un italiano su quattro ha un’età compresa tra i 25 ed i 34 anni. Di fronte a questi dati, sorge spontanea una riflessione personale. Forse il fatto di seguire un’attività che, per quanto faticosa, è assolutamente rilassante per la mente (ottimo antistress!) ed è soggetta ai cicli biologici della coltivazione, in armonia con la natura, rende possibile per chi vive nelle città circondate dal cemento un ritorno all’unione con i ritmi lenti della terra. Un contatto che è ancestrale ed inscritto nel DNA dell’uomo da sempre.

    320

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Agricoltura BiologicaAlimenti BiologiciEducazione AlimentareSpesa Biologica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI