Ambiente: fondi per gli enti locali dalla UE

Ambiente: fondi per gli enti locali dalla UE

Stanziati dalla UE 114 milioni di euro da destinare agli enti locali per progetti mirati alla salvaguardia e conservazione dell'ambiente che tra l'altro siano in grado di creare nuova manodopera

da in Primo Piano, Sviluppo Sostenibile
Ultimo aggiornamento:

    fondi per gli enti locali

    La Commissione Industria del Parlamento Europeo ha deciso di ridistribuire fondi per gli enti locali per un ammontare di circa 114 milioni di euro; i beneficiari, autorità municipali, provinciali o regionali, potranno usufruire di questi fondi per progetti locali a favore dell’ambiente e che generano nuovi posti di lavoro.

    Sono molte le tipologie progettuali su cui la UE intende puntare per uno sviluppo sostenibile da parte degli enti locali; a tale scopo verranno finanziati progetti nel settore delle energie sostenibili soprattutto in ambiente urbano cioè: progetti per edifici pubblici e privati che prevedano soluzioni in materia di energie rinnovabili e/o di efficienza energetica, investimenti nella produzione combinata di calore ed elettricità e nelle reti di teleriscaldamento e/o di teleraffreddamento ad alto rendimento energetico, fonti energetiche rinnovabili decentralizzate e integrate nel contesto locale; trasporti urbani puliti a favore di una maggiore efficienza energetica e dell’integrazione delle fonti di energia rinnovabili; infrastrutture locali, comprese reti elettriche e contatori intelligenti e un’illuminazione stradale efficiente.

    I fondi quindi sono destinati allo sviluppo di progetti che mirano alla conservazione dell’ambiente e che siano in grado di creare nuova manodopera.

    Perciò, dall’Unione Europea è arrivato il via libera alla ridistribuzione dei fondi non spesi nel programma energetico europeo destinati alla ripresa del 2009, programma che prevede circa 4 miliardi di euro, da destinare al finanziamento mirati alla nascita di parchi eolici e impianti di cattura e stoccaggio del carbone.

    297

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Primo PianoSviluppo Sostenibile
    PIÙ POPOLARI