10 cose che i cani odiano

10 cose che i cani odiano
da in Animali, Animali Domestici, Cani
Ultimo aggiornamento: Giovedì 27/11/2014 15:07

    cose che i cani odiano Ci sono delle cose che i cani odiano. Bisogna essere a conoscenza dell’argomento, se abbiamo in casa con noi un nostro amico a quattro zampe. E’ giusto, infatti, che sappiamo tutto dei fedeli nostri amici, non solo per poterli conoscerli meglio, ma anche per rispettare le loro abitudini e per trovare quel giusto punto di equilibrio che vada a vantaggio del loro benessere.

    dai delle regole I cani hanno bisogno di regole di comportamento ben precise. Da questo punto di vista possono essere paragonati ai bambini, per i quali le norme da rispettare sono importanti per crescere meglio e per ricevere la giusta educazione. Non dobbiamo essere troppo permissivi: rischieremmo di mettere in pericolo anche l’incolumità della nostra bestiolina. Inoltre è importante essere sempre molto chiari e coerenti con le regole imposte.

    abbracciarlo sempre Prima di abbracciare il nostro cane, dobbiamo sempre capire come esso può interpretare il nostro gesto. Per alcuni animali essere abbracciati può voler significare anche una manifestazione di forza, quindi non sempre questi gesti affettuosi sono graditi.

    mangiare tranquillamente I cani sono degli animali che tengono molto alla loro privacy. Specialmente quando mangiano, vogliono restare tranquilli. Quando gli diamo la loro pappa, occorre che rispettiamo la loro riservatezza, in modo che possano consumare il cibo con serenità.

    persone che non gli piacciono Non tutte le persone che conosciamo possono essere gradite al nostro cane. A volte si tratta soltanto di un momento di “timidezza”, che può essere superato grazie alla nostra esortazione. Altre volte, invece, occorre non forzarlo. E’ giusto che il nostro cane possa essere libero di non manifestare affetto nei confronti di persone che non gli sono gradite.

    lascia stare la testa Il cane non gradisce spesso essere toccato in testa. Può essere un gesto che gli dia fastidio. Normalmente siamo liberi di farlo, se abbiamo un grado di confidenza elevato con il nostro animaletto. Tuttavia sarebbero da preferire un grattino sulla pancia o una carezza sulla schiena.

    non spenderti in parole E’ inutile spenderci in troppe parole, se vogliamo comunicare efficacemente con il nostro cane. Non crediamo che per esso servano le spiegazioni articolate, come si fa con gli esseri umani. Sarebbe meglio usare una comunicazione più gestuale, che facilita l’intuizione.

    bagnetto frequente Per noi umani pulirci ogni giorno è fondamentale. La stessa cosa non si può dire per il nostro cane. Di regola il bagnetto andrebbe effettuato soltanto 2 volte al mese. Il sebo che produce la sua pelle ha anche un effetto protettivo.

    non essere noioso Quante volte ci capita di tornare dal lavoro in preda alla stanchezza e allo stress? Ricordiamoci che il nostro cane non riesce ad interpretare correttamente questo stato d’animo e quindi si può annoiare se noi teniamo il muso e non abbiamo voglia di giocare. Cerchiamo sempre di stimolarlo con novità, in modo che non abbia reazioni particolari, come l’abbaiare o il rosicchiare i nostri calzini.

    cappottino comodo In inverno, per proteggere il cane dalle temperature troppo basse, possiamo scegliere un cappottino che vada bene. Tuttavia è meglio evitare pizzi e decorazioni varie. Non corrisponderebbero alla comodità del nostro cane. Non è così vanitoso come possa sembrare!

    guinzaglio troppo stretto Quando portiamo a passeggio il nostro cane, evitiamo di commettere l’errore di tenere il guinzaglio troppo corto. Per l’animale potrebbe essere davvero fastidioso. Cerchiamo piuttosto una via di mezzo, in modo che possa avere un po’ di spazio e allo stesso tempo cercando di non ricorrere a strattonate brusche.

    958

    PIÙ POPOLARI