La protesta contro le pellicce a Milano

    Gli attivisti di Animal Amnesty hanno protestato a Milano contro le pellicce e lo sfruttamento degli animali, con una manifestazione molto significativa. Una modella ha interpretato le sofferenze dei poveri animali che vengono catturati in natura ogni anno in molti luoghi del mondo esclusivamente per la produzione di capi di abbigliamento e di accessori. L’attrice è stata imprigionata in una tagliola, tra atroci sofferenze. Poi è stata liberata e ha vagato per le vie del capoluogo lombardo, fino alle vetrine della Galleria Vittorio Emanuele II. Ha partecipato alla manifestazione anche il famoso stilista Elio Fiorucci, che è da molto tempo in prima linea contro lo sfruttamento degli animali per il settore della moda. Si è voluto riflettere su quante povere bestioline vengono uccise continuamente in molti Paesi del mondo.