I delfini uccisi in Giappone

    Quella che viene compiuta ripetutamente a Taiji, in Giappone, si configura come una vera e propria strage di delfini. Le associazioni animaliste denunciano i massacri di esemplari, che vengono uccisi senza alcuna pietà. L’obiettivo è anche quello di separare dai loro genitori i delfini più piccoli, in modo che, catturati, possano essere addestrati nei parchi acquatici. Si tratta di un’attività illecita, che frutta numerosi guadagni. Le testimonianze di chi ha avuto occasione di assistere a queste barbarie sono drammatiche. Ultimamente è stato catturato anche un esemplare raro: un cucciolo di delfino albino. Il piccolo è stato strappato alla madre ed è destinato ad essere esposto presso il museo delle balene, dove sarà venduto al miglior acquirente. La detenzione del piccolo mette in pericolo la sua stessa sopravvivenza.