Vitamina B12, perché è importante: occhio ai gravi sintomi quando è carente

La vitamina B12 è molto importante per il nostro organismo e una carenza di questa può causare dei sintomi anche gravi

Vitamina B12 carenza sintomi
Vitamina B12-foto pinterest affaritaliani.it

Sapete cos’è la vitamina B12? Si tratta di una vitamina che è fondamentale per i nervi e i globuli rossi che trasportano l’ossigeno in tutto il corpo. Una carenza di questa vitamina può essere dovuta a due motivi, un mal assorbimento causato da condizioni come la celiachia e anemia perniciosa o una dieta squilibrata. Pertanto i vegani sono soggetti ad avere una carenza di vitamina B12.

Questa condizione può causare dei sintomi anche gravi, come problemi di deambulazione fino agli arti intorpiditi. Altri sintomi di carenza possono manifestarsi sotto forma di palpitazioni cardiache o perdita di equilibrio, formicolio alle braccia o alle gambe, difficoltà a camminare, affaticamento, nausea, irritabilità e anche battito cardiaco accelerato.

Come agire contro una mancanza di vitamina B12

Vitamina B12 una carenza come si nota
Vitamina B12-foto pinterest momjunction.com

Chi mangia prodotti animali non ha problemi di carenza di vitamina B12, infatti in una tazza di latte vaccino al 2% di grasso c’è metà di tutta la B12 di cui necessita il copro per la giornata. Quindi ad avere un problema sono i vegani, chi non consuma prodotti animali.

Potrebbe interessarti anche:Vitamine: cosa può accadere con l’abuso eccessivo

Tuttavia c’è un’alternativa, infatti queste persone possono assumere la vitamina B12 dal latte vegetale fortificato, dai cereali per la colazione e anche dai fiocchi di lievito alimentare. Nonostante ci sia questa possibilità però, ai vegani è consigliato di controllare in modo periodico il loro stato di vitamina B12 e di assumere degli integratori di 10 microgrammi al giorno in base alla necessità.

Potrebbe interessarti anche:Vitamina V, tutti gli effetti benefici del verde

È fondamentale verificare in modo tempestivo una potenziale carenza di vitamina B12 per poter iniziare un trattamento. Altrimenti si può rischiare di sviluppare dei danni irreversibili. Per capire se si ha una carenza di vitamina B12 alcuni ricercatori hanno individuato un metodo, infatti se si sente il desiderio di mangiare alcuni cibi vuol dire che c’è una mancanza.

Mancanza di vitamina B12 vuol dire carenza di ferro e questo può scatenare il desiderio di cibi strani e prodotti non alimentari come argilla o gesso. Una condizione che viene anche chiamata picacismo che diversi studi hanno associato ad anemia e a specifiche carenze nutrizionali come quella della vitamina B12.

Potrebbe interessarti anche:Vitamina D bassa: quali sono i motivi e come intervenire

Praticamente il corpo tramite l’interazione tra intestino e cervello può iniziare a desiderare cibi ricchi di ferro come latte, salmone, tuorli d’uovo, pollo e altre carni. La cosa migliore è assecondare queste voglie. Altri sintomi a cui prestare attenzione sono, lingue dolente e arrossata, afte alla bocca, spilli e aghi, cambiamenti nel modo di camminare e muoversi, irritabilità, depressione, visione disturbata, sfumatura giallo pallido sulla pelle e anche riduzione delle capacità mentali.