Saponette: non gettarle, riutilizzale grazie a queste geniali idee

Non gettate mai via i residui delle saponette, si possono riutilizzare in tanti modi utili. Rimarrete davvero sorpresi

Residui saponette riciclo
Residui saponette-foto pinterest autoproduco.it

Quando usate le saponette, poi rimane il residuo e di solito viene buttato via ma questo in realtà è sbagliato. Si possono infatti conservare questi residui per riutilizzarli in modo utile e creativo. Usare la saponetta per lavarsi è la cosa migliore per la nostra pelle, perché sviluppa glicerina vegetale, idratante e lenitiva. Inoltre poi non secca la pelle come i saponi liquidi dato che non contiene conservanti o additivi chimici.

Le saponette poi sono molto più igienica del sapone liquido che è soggetto a polvere, germi e tanto altro. Invece la saponetta viene risciacquata ogni volta che si utilizza e rimane quindi sempre pulita. È poi anche versatile e si può usare per mani, viso e altro.

Come riutilizzare le saponette avanzate

Saponette riciclo
Saponette-foto pinterest maghelladicasa.it

Per riciclare le saponette avanzate bisogna avere a disposizione una pentola, dell’acqua, pezzi di sapone, un cucchiaio di legno, un coltello e anche degli stampi per sapone. I pezzi di sapone vanno tagliati a pezzetti e messi in una casseruola con il 10% dell’acqua rispetto al sapone usato.

Potrebbe interessarti anche: Sfrutta il fai da te: come creare la base per l’albero di Natale con il riciclo

Poi si mette la casseruola sul fuoco e si mescola fino ad ottenere un composto pastoso. Si versa successivamente il composto negli stampi e si lascia riposare per 24 ore. Gli stampi in silicone sono più comodi per rimuovere il sapone più facilmente.

Potrebbe interessarti anche: Riciclo cartone pizza: puoi creare questo per i cani

Nella seconda ricetta di andrà a preparare un sapone liquido. Quindi vi serviranno 750 ml di acqua, 300 gr scarti di sapone, 5 gocce di olio essenziale, 40 ml glicerina, una pentola, un cucchiaio di legno e un contenitore. Mettere l’acqua a bollire e quando bolle versare il sapone ridotto a scaglie e la glicerina e mescolare bene per ottenere un composto non troppo solido e versare qualche goccia di olio essenziale. Togliere poi il composto dal fuoco e versarlo in un contenitore a scelta.

Potrebbe interessarti anche: Riciclo vaschette di polistirolo: cosa diventano con fantasia

Infine potete anche usare i residui di sapone per creare un sacchetto profumatore. Basterà solo mescolare i pezzi di avanzo e metterli in un sacchetto di cotone e chiuderlo con un nastro. Potete poi posizionarli negli armadi e cassetti.