Prodotti Bio, come riconoscerli: non farti imbrogliare

Come fare a riconoscere un prodotto biologico? L’etichetta deve avere precise indicazioni. Ecco quali sono

Sugo pomodoro fa bene salute
Sugo pomodoro-foto pinterest (conunpardeguindillas.com-ecoo.it)

I prodotti biologici sono più salutare e presentano molti più vantaggi, ma non è sempre facile riconoscerli ecco come fare. I prodotti bio intanto costano di più perché derivano da un’agricoltura biologica, ossia da un sistema di produzione che non prevede in nessuna fase produttiva,l’uso di sostanze chimiche,quali diserbanti, pesticidi e anche anticrittogamici.

Al loro posto vengono usati dei preparati fatti di erbe e minerali con i quali si irrorano le piante. Questa agricoltura segue le fasi lunari per quanto riguarda la semina e i lavori nei campi. Pertanto i cibi biologici sono rispettosi della natura e della salute dell’uomo.

Gli unici concimi usati sono naturali, quindi letame animale e compost organico. Anche il terreno dove vengono prodotti gli alimenti bio deve essere scevro da ogni sostanza chimica da almeno tre anni. Il terreno viene sottoposto a rigidi controlli di sicurezza.

Come fare a riconoscere un vero prodotto biologico

Gli studi rivelano che i terreni biologici producono alimenti con un’alta concentrazione di vitamina C e meno tossine, contengono anche più antiossidanti, minerali e nutrienti rispetto ai cibi tradizionali e sono più gustosi. Anche le carni possono essere biologiche, inteso come carne prodotta in allevamenti che non usano ormoni, antibiotici o mangimi chimici.

Per riconoscere un vero prodotto biologico, bisogna guarda l’etichetta che deve rispondere a requisiti importanti. In particolare va osservata la dicitura “Da agricoltura biologica” che deve essere seguita dal logo e il nome dell’organismo che esegue il controllo e il suo numero di autorizzazione ministeriale. Poi ci deve essere il codice dell’organismo di controllo, il codice dell’azienda produttrice e il nome e indirizzo del proprietario e venditore del prodotto.

Deve inoltre essere presente il numero di autorizzazione alla stampa e se il prodotto ha un unico ingrediente al 100 per 100 biologico, se sono più ingredienti devono essere al 95 per cento biologici. Esiste poi la certificazione biologica stabilita dal regolamento dell’Unione Europea n.834/2007. Indica i criteri a cui attenersi per produrre in modo biologico.

Un’azienda che decide di produrre alimenti biologici, deve essere sottoposta a controllo rigidi che riguardano tutta la filiera di produzione. I controlli sono finalizzati al rilascio di una certificazione bio che garantisca al consumatore che il prodotto acquistato sia davvero il risultato di un’agricoltura o di un allevamento di natura biologica.

Gli articoli più letti di oggi:

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU FACEBOOK

La certificazione indica che anche la conservazione, la lavorazione e l’impacchettamento oltre che la spedizione avvengano senza l’uso di sostanze chimiche dannose. In Italia per osservare le regole della certificazione bio bisogna andare al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.