Cosa si rischia nel mangiare troppo salato: attenzione

Il sale è uno degli alimenti con la peggiore reputazione. In realtà è fondamentale per mantenere l’equilibrio dei liquidi, trasportare gli impulsi nervosi e supportare le contrazioni muscolari adeguate

eccesso sale da cucina nella dieta
(Pixabay)

Sale e sodio non sono esattamente la stessa cosa. Il sale da cucina è composto da cloruro di sodio non solo di sodio. Un cucchiaino di sale contiene circa 2,3 grammi di sodio. Spesso i due termini vengono utilizzati in modo intercambiabile, per definire comunemente il sale, ma non si tratta della medesima sostanza. Il sodio è un componente del sale, un minerale che ha come fonte principale nell’alimentazione occidentale il sale da cucina, ma eccedere con il quantitativo di sodio nella dieta può avere effetti dannosi per la salute.

C’è in realtà un metodo semplice ed efficace per alternare e ridurre il consumo di sale da tavola. L’utilizzo di spezie quali curcuma, zenzero e delle sostanze naturali come pepe e peperoncino sono utilissime per potenziare il senso di sapidità negli alimenti. Quest’ultimo, viene meno, dal mancato utilizzo dei sali ma viene ottimamente mascherato dal peperoncino e spezie varie. Inoltre, il peperoncino in primis, ha delle proprietà assolutamente benefiche per l’organismo; nello specifico antisettite vasodilatatori e purificanti in genere.

Consumo eccessivo di sale: quali sono i sintomi più evidenti?