Foglie marroni o macchiate, come salvare la pianta senza bisogno di un esperto

Avete una dipladenia con foglie macchiate o marroni? Sarà molto semplice salvarla senza chiedere aiuto al vivaista

Dipladenia come coltivarla
Dipladenia (foto pinterest gralon.net – ecoo.it)

Cosa fare se la vostra dipladenia ha le foglie marroni o macchiate? Non vi agitate perché una soluzione si trova. Ecco come capire qual è l’origine del problema prima che sia troppo tardi. C’è anche un rimedio efficace da usare per salvare la pianta. Prendersi cura delle piante non è facile, necessitano di determinate accortezze e hanno bisogno di costanza.

Conoscere le informazioni base di ogni pianta è fondamentale per poterla curare nel modo migliore. Per esempio è importante sapere che terriccio usare e quanta acqua dargli. Ci sono tante piante che si possono curare con poche attenzioni, per chi per esempio non ha il pollice verde. Ma comunque sia anche se richiedono poche cure hanno sempre bisogno che qualcuno le guardi per vedere se stanno bene.

Consigli per coltivare la dipladenia

Dipladenia coltivare
Dipladenia (foto pinterest Garden Analyst – ecoo.it)

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU FACEBOOK

La dipladenia è una pianta alquanto semplice da curare e cresce anche velocemente. È molto diffusa in Italia anche se ha origini tropicali dell’America. Si tratta di una pianta sempreverde dalle foglie lucide, carnose e di colore verde scuro.

Potrebbe interessarti anche: Sansevieria, non commettere questo errore: dovrai dire addio alla pianta

In primavera sbocciano i fiori che sono profumati e a forma di trombetta. Non è difficile coltivarla ma bisogna seguire qualche regola semplice per farla crescere sana e vigorosa. Questa pianta preferisce i luoghi soleggiati e teme molto il freddo. D’inverno se possibile è meglio spostarla in un posto riparato all’interno di casa.

Potrebbe interessarti anche: Camelie, il trucco segreto per poter prendersi cura di questa pianta

Il terreno ideale per la dipladenia è quello ricco di sostanze organiche. La pianta sopporta dei periodi di siccità ma meglio non dimenticarsi di innaffiarla. Cosa accade se notiamo delle macchie marroni sulla pianta? Vuol dire che le diamo poca acqua oppure potrebbe essere causato da un animaletto molto pericoloso. Si tratta della cocciniglia, che è un parassita che si attacca alle foglie e si nutre della loro linfa, fino a far deperire l’intera pianta. Sono parecchio infestanti e si riproducono facilmente.

Potrebbe interessarti anche: Stella di Betlemme: consigli per coltivare la pianta dai magnifici fiori bianchi

Non è facili eliminarli ma si può usare l’olio di Neem che è un antiparassitario naturale. Si usa anche per curare le altre piante. Si usa facilmente, basta diluirlo con dell’acqua e spruzzarlo sulle foglie. Meglio usarlo nelle ore serali però.