Biometano: i vantaggi e benefici della fonte rinnovabile

Bisogna fare attenzione al biometano, una fonte rinnovabile che rispetta l’economia circolare e può essere usata per produrre energia. 

Biometano cosa serve cosa è
Biometano-foto pinterest (futurenergyweb.it-ecoo.it)

La situazione energetica italiana non è delle migliori vista la crisi dovuta alla guerra in Ucraina, ma bisogna dire che la nostra nazione è riuscita a raggiungere gli obiettivi del Piano d’Azione Nazionale per le energie rinnovabili. Tuttavia la lotta ai cambiamenti climatici è all’inizio ed è necessario acquisire la consapevolezza di quali siano le differenti strade possibili per andare incontro alla decarbonizzazione.

Sono tante le possibilità per essere green energeticamente. In particolare esiste il biometano che non è solo una fonte rinnovabile, ma anche una fonte che rispetta i criteri dell’economica circolare e che può quindi essere usata per la produzione di energia, ma anche come carburante per i trasporti.

Cos’è il biometano e come si produce

Il biometano è una tra le fonti di energia rinnovabile e si ottiene dalla raffinazione di quelli che si chiamano i biogas. Perciò per capire cosa sia il biometano, occorre comprendere prima che cosa sono i biogas.

Allora il biogas è il risultato della fermentazione da parte di batteri, sostanze di origine organica animale o vegetale che deriva da residui agricoli, reflui zootecnici o fognari, colure di integrazione, frazione organica dei rifiuti urbani e tutta quella biomassa che deriva da attività agricole, industriali o dai rifiuti urbani.

Il biogas è perciò composto dal 45 al 70% da metano e nella parte restante da anidride carbonica e altre sostanze presenti in piccole percentuali come ossido di carbonio, azoto, idrogeno e idrogeno solforato. Tramite quindi la raffinazione del biogas, si ottiene un prodotto che ha le stesse proprietà chimiche, ma che può essere trasportato sfruttando le stesse infrastrutture usate per il metano.

Perciò successivamente alla produzione di biogas, il biometano si ottiene tramite una fase di upgradind, ossia la fase di rimozione di tutte quei componenti non necessari e non compatibili con l’immissione in rete. Avviene praticamente una purificazione del metano.

Il biometano però, nonostante sia un gas è considerato una fonte neutrale da un punto di vista di emissioni e totalmente rinnovabile dato che la sua produzione avviene tramite l’utilizzo di scarti e materiale organico che in ogni caso produrrebbero emissioni. Si tratta di una fonte energetica che deriva quindi dai nostri scarti.

Gli articoli più letti di oggi:

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU FACEBOOK

Il biometano favorisce il processo di decarbonizzazione e rende possibile anche la restituzione al terreno di sostanza organica. Da vita in sostanza a un ottimo fertilizzante. Quindi rientra nei criteri dell’economica circolare. Questo prodotto riduce in modo significativo le emissioni del settore agricolo. Minimizza poi i costi di decarbonizzazione, contribuisce a ridurre il volume dei rifiuti, è un biocarburante, riduce l’importazione di gas naturale favorendo la crescita economica e il suo utilizzo avviene per tutti gli usi energetici.