Ablutofobia: una paura strana che non immaginereste mai

Molte le paure che ogni essere umano può provare, alcune possono però sembrare più “strane” di altre. Tra di loro la ablutofobia

Fare la doccia
Fare la doccia (Foto Adobe)

Spesso si provano paure incontrollabili alle quali non si riesce a resistere. Sono innate e capirne l’origine può davvero rappresentare un’ardua impresa. Sono quelle sensazioni che nascono all’improvviso quando ci si trova davanti ad una determinata situazione e non si sa come gestire la reazione del proprio corpo. Ci si sente disorientati, terrorizzati, impossibilitati nel compiere qualsiasi azione, il cuore batte fortissimo e il respiro sembra mancare.

Quando si prova una simile reazione generalmente si è davanti ad una fobia, una paura “immotivata” che quindi è patologica. Letteralmente ogni cosa o situazione potrebbe far nascere una fobia, alcune delle quali agli occhi di molti potrebbero sembrare alquanto “strane” ad esempio la ablutofobia, ovvero vera e propria angoscia al solo pensiero di dover lavare il proprio corpo.

Ablutofobia, cos’è e i suoi sintomi

Lavare le mani
Lavare le mani (Foto Adobe)

Gli esperti cercano di capire cosa si possa nascondere dietro le varie fobie, a volte risulta un semplice compito a volte molto più complesso. Fondamentalmente alla base della maggior parte di queste paure c’è un trauma vissuto, in particolar modo in età molto giovane. Potrebbe essere una situazione pericolosa vissuta, una violenza subita o ancora incidenti ma anche racconti spaventosi che sono rimasti impressi nella mente generando il terrore per quell’esatta situazione.

Leggi anche: Ameba mangia-cervello, uomo in fin di vita: zona chiusa ai bagnanti

Molto rara la ablutofobia si tenta di capire cosa possa esserci dietro, in quanto sono soprattutto i bambini che ne soffrono. Sempre gli esperti credono che ad incidere su questo particolare terrore possano essere indubbiamente le esperienze personali, i fattori ambientali e la genetica. Molto complesso però è venirne a capo in quanto ad esempio se a soffrirne è anche la mamma del bambino, non si può sapere con certezza se la fobia abbia avuto origine dal figlio o questo sia stato influenzato dal genitore.

I sintomi che si possono manifestare sono:

  • vertigini
  • attacco di panico
  • ansia
  • angoscia
  • difficoltà respiratorie
  • nausea
  • tremori

Leggi anche: Attenzione al barbecue: in questo caso diventa cancerogeno

Non è una fobia da sottovalutare in quanto potrebbe generare difficoltà in chi ne soffre anche nel relazionarsi con gli altri e una sensazione di malessere verso il proprio corpo. Si può diventare depressi e vivere una vita in totale solitudine. Il consiglio è quello di recarsi presso uno specialista che troverà la migliore terapia da poter seguire per cercare di sconfiggere la paura e vivere una vita libera dal terrore.