Uova di Pasqua fai da te: la ricetta per farle a casa

Uova di Pasqua fai da te: la ricetta per farle a casa

Le uova di Pasqua fai da te rappresentano un’ottima soluzione green

da in Alimentazione Sana, Cucina Naturale, Ricette Vegan, Vivere green, Pasqua
Ultimo aggiornamento:

    uovo di pasqua fai da te ricetta

    Le uova di Pasqua fai da te costituiscono proprio un’ottima idea. Basta solo avvalersi della ricetta, per mettere a punto in casa un prodotto senza l’aggiunta di conservanti, che non rappresentano affatto l’ideale per la nostra salute. Una scelta di vita green comporta anche un approccio ad un’alimentazione naturale: quindi che c’è di meglio di cibi preparati completamente da noi, per stare sicuri su ciò che mangiamo? Tra l’altro non dobbiamo pensare che la realizzazione del tipico dolce pasquale implichi chissà quale procedimento complicato. E’ molto facile: basta avere solo un po’ di manualità e di dimestichezza con gli utensili da cucina.

    Davvero ridotti gli ingredienti per fare un uovo come si deve. Occorrono soltanto un chilogrammo di cioccolato fondente e della ghiaccia reale, con la quale effettuare le decorazioni. In più dobbiamo utilizzare qualche aggeggio, che si rivela di grandissimo aiuto in questa operazione alquanto delicata. Nello specifico ci servono uno stampo adatto, in plastica o di metallo, e una sorpresa da inserire all’interno.

    Per iniziare si deve procedere a temperare il cioccolato. Utilizzando questa tecnica, infatti, lo si rende più croccante e allo stesso tempo più resistente. I pezzi vanno fusi a bagnomaria, portando l’acqua ad una temperatura di 45 gradi. Per verificare il tutto, possiamo usare un termometro. L’unica accortezza che dobbiamo avere è quella di evitare che l’acqua tocchi il contenitore, in cui abbiamo messo i pezzetti. A questo punto bisogna fare in modo di scendere a 27 gradi. Si può raggiungere questo obiettivo con un altro bagnomaria freddo, ma si può riporre la crema su un piano di marmo, lavorandola, fino a quando si raffreddi. In realtà sarebbe da preferire la prima soluzione, perché, se non siamo pasticcieri esperti, corriamo il rischio di combinare un disastro.

    Adesso è la volta di ritornare ai fornelli, perché si deve incrementare di nuovo il calore: occorre arrivare a 31 gradi. Segue una fase che potremmo definire anche piuttosto divertente, perché il cioccolato fuso va inserito nello stampo. Ricordiamoci che quest’ultimo deve essere ben pulito, quindi procediamo ad un’operazione di sgrassamento preventiva. Dobbiamo distribuire l’impasto, avendo cura di riempire tutto il calco. Tuttavia non dobbiamo andare oltre il bordo. Se per caso incorressimo in questo errore, bisogna pulire, magari attraverso l’uso di un pennello. La formina va girata e adagiata su una teglia foderata con la carta da forno. Poi riponiamo in frigo, in modo da permettere una solidificazione.

    Dopo di questo, possiamo sformare, ottenendo due metà. Esse devono essere attaccate l’una all’altra. A questo scopo può essere utile immetterle per qualche istante nel forno caldo, affinché, fuse un pochino, possano combaciare e appiccicarsi. In tutto questo procedimento è meglio usare dei guanti di lattice, perché così non corriamo il pericolo di lasciare impronte antiestetiche. Naturalmente, dopo ogni passaggio, mettiamo in frigorifero, così non si scioglierà nulla. Decoriamo con fiorellini e merletti fatti di ghiaccia reale.

    Guarda anche:

    Ricette di Pasqua vegetariane: idee per un menù tutto green
    Ricette dolci per Pasqua: la colomba vegan
    Ricette vegetariane torte salate: come fare la Pasqualina

    618

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Alimentazione SanaCucina NaturaleRicette VeganVivere greenPasqua
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI