Un giardino verticale insolito sulle persiane in alluminio di Co.Bu.

Un giardino verticale insolito sulle persiane in alluminio di Co.Bu.

Le designer Laura Martini e Alessandra Gruppillo propongono un particolare giardino verticale realizzato sulle persiane in alluminio del cosiddetto condominio bucolico, per valorizzare il verde in città

da in Agricoltura, Agricoltura Biologica, Giardini, Primo Piano, Sostenibilità Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    giardino verticale persiane co bu

    Un giardino verticale insolito sulle persiane in alluminio di Co.Bu. Piuttosto curioso, ma di che si tratta nello specifico? Il tutto è costituito da un progetto messo a punto dalle designer Laura Martini e Alessandra Gruppillo, per riuscire a coniugare spazio urbano e sostenibilità ambientale. Il frutto di questa esigenza di coniugazione è rappresentato dalla realizzazione delle persiane in alluminio, sulle quali è possibile coltivare le piante che più ci piacciono. In sostanza possiamo disporre di un giardino urbano, anche se non abbiamo un terrazzo o un balcone.

    Si possono ricordare vari tipi di giardini verticali. Ad esempio chi non rammenta Hortus, il noto giardino verticale all’insegna della praticità? Ma se volete, potete costruire anche voi un giardino verticale in modo facile e originale.

    Ecco qual è la caratteristica principale del genere di giardino proposto dalle due designer: l’originalità.

    In questo senso si può parlare di “condominio bucolico”. Quest’ultimo è costituito da persiane con ante girevoli e con apposite tasche che contengono fibra di cocco. Qui si pianta ciò che si vuole, fiori, diverse piante e anche ortaggi. Può essere anche un sistema da tenere in considerazione per quegli Italiani che nel tempo libero si dedicano all’orto fai da te in vista dell’agricoltura biologica.

    Anche in città, grazie a questa soluzione, chiunque può sperimentare la coltivazione delle piante, utile per dare un aspetto più gradevole allo spazio urbano, arricchito di nuovo verde. Un anonimo condominio in questo modo può diventare il punto di partenza verso la valorizzazione delle aree verdi urbane.

    339

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AgricolturaAgricoltura BiologicaGiardiniPrimo PianoSostenibilità Ambientale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI