Torta di rose: la ricetta veg

Come trasformare una torta di rose, dolce tipico mantovano, ricco di burro, zucchero e uova, in un dolce vegano? Ecco una ricetta per realizzare questa gustosa delizia totalmente veg

da , il

    Torta di rose 1

    La torta di rose, dolce tipico mantovano, ha un’origine storica risalente alla fine del secolo XV, quando fu creata in occasione delle nozze tra Francesco II di Gonzaga e Isabella d’Este. La ricetta veg, che vi proponiamo, non ha nulla a che vedere con quella originale, ricca di burro e zucchero, ma è totalmente priva di grassi animali, più sana e ugualmente soffice e gustosa.

    La farcitura per la torta di rose vegan è formata generalmente da un composto cremoso a base di margarina vegetale e zucchero di canna integrale, ma per chi non ama la margarina vegetale, a meno che non sia autoprodotta, può utilizzare un altro tipo di farcia, sempre vegana, come la classica crema pasticcera o l’ottima crema al cioccolato vegan oppure come abbiamo fatto in questa ricetta una crema a base di marmellata di arance e mandorle tritate.

    La torta di rose: la ricetta cruelty free

    Ingredienti

    380 gr di farina di tipo 0

    200 m di latte di soia

    3 cucchiai di olio di semi di girasole

    2 cucchiai di zucchero

    25 gr di lievito di birra

    la buccia di un limone grattugiato

    1 bacca vaniglia

    un pizzico di sale

    Per la farcitura:

    100 gr di zucchero di canna integrale

    200 gr di marmellata di arance

    100 gr di mandorle tritate

    4-5 cucchiai di panna vegetale

    Procedimento

    Riscaldate il latte in un pentolino, unite la bacca di vaniglia tagliata longitudinalmente e portate a bollore, poi dopo un paio di minuti, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare per 15 minuti. Trascorso questo tempo, sciogliete il lievito di birra nel latte tiepido e unite tutti gli ingredienti fino ad ottenere un panetto omogeneo, molto simile a quello della pizza. Sigillate l’impasto con la pellicola trasparente e lasciate lievitare per un’ora a forno spento.

    Per la farcitura, montate con le fruste, o meglio un mixer ad alta velocità, dapprima la marmellata e lo zucchero, poi unite le mandorle e la panna vegetale fino ad ottenere un composto molto cremoso.

    Stendete la pasta, formando un rettangolo dello spessore di circa 2 cm e spalmate la farcitura su tutta la superficie, quindi arrotolate la sfoglia ottenuta su se stessa. A questo punto, tagliate il rotolo di pasta ottenuto, formando delle girelline alte circa 4/5 cm, che disporrete a raggiera, in una teglia rivestita di carta da forno, a 2 cm di distanza tra di loro, avendo l’accortezza di stringere la base di ciascuna rosellina in modo da evitare la fuoriuscita della crema durante la cottura.

    Lasciate lievitare ancora per almeno un’altra ora in forno spento e con la luce accesa, fino che le roselline raddoppieranno il loro volume e si uniranno per coprire ogni spazio. Infornate nel forno caldo a 180 gradi per circa 30 minuti e non appena è pronta, toglietela dal forno, lasciatela raffreddare, poi servite con una spolverata di zucchero a velo.

    Che dolce sei? [TEST]

    Domanda 1 di 10

    Quanto ti piacciono i dolci?