Tappi di plastica: il raccoglitore nel milanese

Tappi di plastica: il raccoglitore nel milanese
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

I tappi di plastica possono vantare nel milanese un raccoglitore d’eccezione. In molti pensavano che si trattasse di una vera e propria leggenda metropolitana, invece il signor Danilo Distico esiste veramente e abita a San Giuliano Milanese. Ha una casa in campagna, nella quale ha raccolto molti sacchi contenenti milioni di tappi di plastica. Tutto è partito dall’adesione ad un’iniziativa della Caritas, che lo ha portato a fare da collettore per la Lombardia. Le telefonate ricevute sono numerose, tutti hanno voglia di donare i loro tappi, frutto della raccolta differenziata.

Il riciclo e la raccolta dei tappi di plastica in genere viene fatta per beneficenza. In particolare l’obiettivo che il raccoglitore milanese intende raggiungere si colloca nell’ambito della solidarietà. Si tratta di costruire dei pozzi d’acqua in Tanzania. I tappi soggetti a raccolta vengono gestiti da specifiche ditte, che provvedono al loro riciclaggio. Inoltre viene riconosciuto un contributo economico per la realizzazione dei pozzi. Vere e proprie tonnellate di rifiuti trasformate in elementi utili in termini di impatto ambientale ridotto.

Il raccoglitore di tappi costituisce una vera dimostrazione di come è possibile riciclare i tappi di plastica attivando la solidarietà sociale. Danilo Distico ha spiegato:

Ricevo decine di chiamate al mese e non solo dalla Lombardia. Una donna svizzera mi ha confessato di avere una specie di montagna di tappi in cantina. C’è una parrocchia che chiede se posso passare a ritirare quattro sacchi pieni.

Il riciclo della plastica può essere considerato un’opportunità da non sottovalutare in termini di conservazione ambientale.

304

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Fonte | Corriere

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 31/03/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici