Sviluppo sostenibile: calore del corpo per ricaricare il cellulare

Sviluppo sostenibile: calore del corpo per ricaricare il cellulare

Il Nokia E-Cu è un concept di cellulare green, che, grazie ad un termogeneratore integrato, è in grado di ricaricarsi sfruttando il calore del corpo

da in Conservazione ambiente, Impatto Zero, Innovazione, Primo Piano, Sviluppo Sostenibile, energia
Ultimo aggiornamento:

    sviluppo sostenibile calore corpo ricaricare cellulare

    Lo sviluppo sostenibile è caratterizzato da molti aspetti. Uno dei più innovativi riguarda l’uso del calore del corpo per ricaricare il cellulare. Il tutto è possibile per mezzo del Nokia E-Cu. Si tratta di un innovativo cellulare green, il quale è in grado di ricaricarsi semplicemente tenendolo in tasca mediante l’impiego del calore del corpo. Questo obiettivo viene raggiunto tramite un termogeneratore integrato nel telefonino in questione, il quale è capace di trasformare l’energia termica in energia elettrica. In questo modo il dispositivo si ricarica.

    Lo stesso effetto dovrebbe essere ottenuto, se si pone il cellulare su una fonte di calore artificiale. Un chiaro esempio di sviluppo sostenibile a tutti gli effetti.

    Infatti un sistema di questo genere presenta vantaggi importanti in termini di impatto ambientale. I benefici più considerevoli consistono nella riduzione dei rifiuti elettronici, soprattutto per ciò che concerne i caricabatterie, che sono nocivi per l’ambiente. D’altronde quello del corretto smaltimento dei rifiuti elettronici è un problema aperto.

    Naturalmente va considerato anche il fatto che l’uso del Nokia E-Cu può contribuire anche ad una riduzione delle emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera. I vantaggi comunque possono essere notevoli anche per chi utilizza molto il cellulare in luoghi in cui non ha la possibilità di usufruire di corrente elettrica per ricaricarlo.

    Si tratta ancora di un concept, che comunque è in grado di riservare rilevanti potenzialità per quanto riguarda la possibilità di portare avanti la conservazione dell’ambiente non rinunciando alle opportunità offerte dalla tecnologia.

    320

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Conservazione ambienteImpatto ZeroInnovazionePrimo PianoSviluppo Sostenibileenergia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI