Stufe elettriche a basso consumo energetico: prezzi e modelli [FOTO]

Stufe elettriche a basso consumo energetico: prezzi e modelli [FOTO]
  • Commenti (3)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Stufe elettriche: modelli e prezzi

Molti di voi, leggendo di stufe elettriche a basso consumo energetico, storceranno il naso. Come si può parlare di bassi consumi con l’elettricità? In effetti, le stufe elettriche non sono la soluzione più economica per produrre calore. Come premessa, però, bisogna capire esattamente cosa intendiamo quando parliamo di una stufa elettrica. Una stufa elettrica è un elettrodomestico, piccolo o grande che sia (in base alle esigenze) utilizzato per riscaldare piccoli ambienti in tempi rapidi. Non è detto che l’elettricità non possa andare di pari passo con il risparmio energetico. Infatti per contribuire in maniera sostanziale ad un basso consumo di elettricità, basta scegliere soltanto i modelli giusti di stufa elettrica. Vediamo insieme le tipologie sul mercato.

  • Stufe elettriche
  • Stufa elettrica per ufficio Orieme RQ 1000
  • Stufa elettrica a risparmio: Argo Creola
  • Stufa elettrica ad infrarossi Andros 400-800
  • Stufa elettrica alogena Orieme HL 1200 LX

Stufe elettriche: modelli e tipologie

Il vantaggio principale rappresentato dalle stufe elettriche è quello che possono essere spostate ovunque, basta avere una presa della corrente per allacciarle, inoltre ne esistono moltissimi modelli e tipologie diverse. Addirittura, alcuni esemplari dotati di timer possono essere programmati (es. 10 minuti) per contenere quanto più possibile gli sprechi di energia e favorire il risparmio energetico. Non possiamo non citare le stufe elettriche svedesi, altro modello che presenta diverse tipologie di potenza per adattarsi alle varie esigenze. Poi ci sono alcuni modelli talmente belli e particolari, esteticamente parlando, in grado di essere annoverati come complementi di ecodesign. Raggruppando le tipologie di stufe elettriche presenti sul mercato, possiamo dichiarare che esistono 4 modelli principali: stufe elettriche a resistenza, stufe elettriche alogene, stufe elettriche al quarzo e stufe elettriche ad infrarossi. Diamo una breve descrizione per ciascuna di esse.

Stufe elettriche alogene e a resistenza

stufa elettrica alogena orieme hl 1200 lx

Stufa elettrica alogena. All’interno ci sono 2 lampade alogene che, al passaggio della corrente, si riscaldano ed emettono calore. Questa è una delle soluzioni più economiche dal momento che le lampade utilizzate sono a risparmio energetico. La stufa elettrica a resistenza, nella quale a produrre calore ci pensa la ventola. Questo tipo di stufa arriva a consumare anche 2.000 Watt.

In genere le stufe elettriche alogene consumano fino a 1 kW. Questo è il consumo massimo, ma se si dispone di appositi interruttori, si può anche variare la potenza della stufa. In ogni caso questo tipo di stufe hanno una resa migliore e riescono a consumare anche meno rispetto alle stufe elettriche “tradizionali”.

Dal punto di vista del risparmio economico, teniamo presente che per ogni ora di funzionamento, questo tipo di stufe alogene consuma da 15 a 22 centesimi, in base al contratto che abbiamo sottoscritto con la società di gestione elettrica, quindi in base anche al fatto che il nostro contratto sia per una casa adibita a residenza o no.

Un tipo di stufa alogena è per esempio la Joiaone JP-AL01 (18,99 euro), che possiede tre livelli di potenza, una rotazione automatica, una griglia metallica di protezione e tre lampade alogene. Da non dimenticare anche la stufa Orieme RQ 1000 (32,99 euro), che è una stufa radiale con tre livelli di calore e sistema antisurriscaldamento.

Infine possiamo ricordare la stufa Argo Calorella 1200 S (24,99 euro), che presenta un design elegante e un diffusore di calore con struttura a nido d’ape. La sua potenza arriva fino a 1200 W.

Fra le stufe alogene c’è anche Cat RI 4985 (29,99 euro), che presenta 1600 W di potenza, quattro regolazioni di calore e un movimento oscillante.

Stufe elettriche al quarzo

stufa elettrica al quarzo dcg eltronic sa 9722

Stufa elettrica al quarzo. Molto simile a quella alogena, la differenza è che al posto di avere lampade alogene ha lampade al quarzo. Il consumo medio delle lampade al quarzo è 800 Watt.

Fra i modelli di stufe al quarzo possiamo ricordare l’Ardes 435 (14,99 euro), che ha una potenza di 800 W, distribuiti su due livelli, presenta una protezione antiribaltamento e un’altra antisurriscaldamento. Il risultato si traduce in un alto livello di efficienza.

C’è anche l’Ardes 436, che arriva a 800 W di potenza e presenta due livelli di calore. Il suo costo è di 8,90 euro.

Un altro modello da tenere in considerazione è la stufa Argo Creola (24,99 euro), che arriva a 1500 W di potenza e presenta due barre al quarzo.

Un’altra stufa elettrica al quarzo è la DCG Eltronic SA 9722 (29,90 euro), che è pieghevole, presenta un interruttore a pedale, un effetto girasole e una protezione automatica antiribaltamento.

Stufe elettriche ad infrarossi

stufa elettrica ad infrarossi andros 400 800

Stufa elettrica ad infrarossi. Il calore emesso dalla stufa ha un procedimento simile a quello del sole: il calore viene emesso sotto forma di raggi infrarossi e riscalda l’aria. Queste sono le stufe che garantiscono dei consumi bassi.

Fra i modelli di stufe elettriche ad infrarossi dobbiamo ricordare Orieme RQ 800 G (11,99 euro), che raggiunge una potenza di 800 W, è pieghevole e quindi anche pratica da spostare.

Da non dimenticare la stufa ad infrarossi a parete Deluxe R-600. Questa stufa è dotata di una lampada ad infrarossi di nuova generazione, che riesce anche ad abbellire la nostra casa grazie al suo design particolare. I costi di consumo sono molto bassi e il suo prezzo è di 28,94 euro.

Infine possiamo ricordare la stufa ad infrarossi a parete Deluxe R-1200 (19,84 euro), che è come un riscaldatore professionale con due lampade. Rispetto agli altri sistemi di riscaldamento, gli infrarossi hanno la capacità di non modificare il tasso di umidità e quindi di lasciare l’aria fresca.

Altri modelli di stufe elettriche in commercio sono: la Do Not Cover 1200, la 450-900W Dusty, la Orieme Esprit HL 1200 H, la HL 1200 LX, l’Andros 400-800, l’Ardes 454, la DCG Eltronic SA 9922 T, la DCG Eltronic SA 9224 e la Splendid Vapore Alogena.

Stufe elettriche: prezzi

Le stufe elettriche non hanno assolutamente dei prezzi proibitivi. Ovviamente, più è piccola e di marca scarsa è la stufa, meno costerà. Si parte dalle 10 euro di una stufetta elettrica al quarzo, alle 350 euro di una stufa elettrica tradizionale che si rifà in tutto e per tutto alle classiche stufe a legna.

Se siete curiosi di leggere altri nostri articoli riguardanti le stufe a bassi consumi, qui sotto vi consigliamo altri interessanti articoli di Ecoo:
Stufe pellet idro: caratteristiche e manutenzione
Stufe a Pellet: prezzi e modelli
Stufe e camini, scegliere la legna giusta
Stufe a pellet: quali scegliere?

Foto iniziale di loungerie

1258

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Dom 14/11/2010 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Luigi 10 agosto 2011 12:19

Articolo veramente inutile, non si arriva a nessuna conclusione

Rispondi Segnala abuso
Max 3 gennaio 2012 14:42

x Luigi
si vede che non sai leggere!

Segnala abuso
Piero pepe 6 dicembre 2011 10:23

Da possessori di un condizionatori inverter a pompa di calore aggiungo che anche questa categoria di prodotti (condizionatori) può essere efficace per riscaldare impiegando l’energia elettrica.
INoltre, a differenza di molte stufe elettriche piuttosto “assetate” di energia, con un uso attento è possibile anche contenere la spesa sulla bolletta, a mio avviso.
E, in effetti, si trovano online diversi siti che sostengono questa tesi. La tecnologia inverter, infatti, aiuta il condizionatore a ridurre notevolmente il consumo senza funzionare sempre al massimo della potenza…
questo articolo, ad esempio, permette di farci un’ide proprio sui consumi dei condizionatori
http://www.soscondizionatoriroma.it/i-consumi-dei-condizionatori/

Rispondi Segnala abuso
Seguici