Stufe a pellet senza canna fumaria: modelli e prezzi [FOTO & VIDEO]

Stufe a pellet senza canna fumaria: modelli e prezzi [FOTO & VIDEO]

Le stufe a pellet senza canna fumaria sono disponibili in vari modelli e a prezzi differenti

da in Casa ecologica, Impianti Termici, Stufe a Pellet
Ultimo aggiornamento:
    Guardiamo come funziona una stufa a pellet

    Le stufe a pellet senza canna fumaria, con vari modelli e prezzi di diverso genere, potrebbero rappresentare un’alternativa, anche perché spesso la tradizionale canna fumaria costituisce uno svantaggio soprattutto a livello estetico. Ci sono delle stufe che prevedono soluzioni differenti e che allo stesso tempo garantiscono di riscaldare la casa in maniera efficiente. Ne esistono di diverse marche, Palazzetti, Montegrappa, Ravelli, Brescia, Thermorossi: vi diamo qualche suggerimento in proposito, per scegliere al meglio.

    Il funzionamento delle stufe a pellet senza canna fumaria deve essere spiegato per bene, al fine di chiarire soprattutto come la definizione non corrisponda letteralmente al reale meccanismo che utilizzano questi tipi di impianti di riscaldamento. Quando parliamo di assenza di canna fumaria, non dobbiamo intendere che queste stufe siano prive di un tubo di scarico. E’, infatti, necessario che quest’ultimo sia presente, perché occorre che i fumi siano in qualche modo scaricati al di fuori dell’abitazione. Più che altro il tubo di scarico nelle cosiddette “stufe senza canna fumaria” si riduce al minimo, fino ad un massimo di 8 centimetri di diametro e che può essere inserito attraverso un buco nella parete o trasportato fino ad un’altra struttura, come, per esempio, un caminetto. Si tratta di idee che riescono ad arredare maggiormente in sintonia con l’ambiente domestico, perché, in genere, propongono dei modelli che si integrano perfettamente con l’atmosfera della casa.

    Molti sono i modelli e, in corrispondenza, anche i prezzi di cui possiamo usufruire. Ve ne presentiamo alcuni. Leroy Merlin propone la stufa a pellet Fusion, disponibile in bianco, bordeaux e color pergamena. Tutte e tre costano 699 euro e offrono la massima sicurezza contro il surriscaldamento grazie alla presenza di un termostato di sicurezza. Sono delle soluzioni ideali anche per il risparmio, in quanto esiste un sistema di programmazione per gestire come si desidera l’accensione e lo spegnimento. Ricordiamo anche la stufa Ginevra, disponibile in bordeaux e avorio. Ha una potenza termica nominale di 6,42 kW e una potenza termica globale di 7,05 kW: è ideale per ambienti fino a 55 metri quadrati.

    Costa 799 euro.

    La stufa Brio, proposta da Edilkamin, ha una struttura interamente in ghisa, compreso il focolare. Presenta un pannello sinottico per la gestione della combustione e un’anta con doppio vetro e apertura a ribalta. Il suo prezzo è di 2.450 euro. La stufa Forma consente di ottenere un’aria più pura e annulla completamente gli spifferi. Possiede anche la predisposizione per la gestione telefonica e costa 3.190 euro. Il modello Mya è sia in acciaio che in vetro. Ha un design dalle linee morbide e un focolare in ghisa; c’è anche la possibilità del radiocomando. Il modello con fianchi in acciaio e top in vetro costa 1.990 euro, quello con fianchi e top in vetro 2.090 euro. Da non dimenticare il modello Kelly, che ha un prezzo di 2.530 euro. Offre una tecnologia innovativa, capace di canalizzare il 100% dell’aria calda prodotta. E’ facile da pulire e presenta un focolare in ghisa.

    Guarda anche:

    Stufe a pellet: prezzi e modelli [FOTO]
    Stufe a pellet usate: qualche consiglio utile per l’acquisto [FOTO]
    Stufe pellet idro: caratteristiche e manutenzione [FOTO]
    Stufe a legna: quali scegliere per non inquinare [FOTO]
    Stufe elettriche a basso consumo energetico: prezzi e modelli [FOTO]
    Stufe bioetanolo: prezzi, costi e consumi [FOTO]

    671

    Stufe a pellet: tutti i modelli
    Stufe a pellet: foto
    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Casa ecologicaImpianti TermiciStufe a Pellet
    PIÙ POPOLARI