Spiagge ecosostenibili, la classifica dei litorali più green

Ecco una classifica delle otto spiagge ecosostenibili del mondo, per una corretta pratica di ecoturismo. Si tratta di otto luoghi naturali molto interessanti dal punto di vista delle biodiversità e della natura incontaminata.

da , il

    Sognate di trascorrere una vacanza in delle spiagge ecosostenibili, in litorali intatti e non danneggiati dalle opere, purtroppo a volte disastrose, dell’uomo? Ecco una classifica dei luoghi al mondo che ci stupiscono per la loro natura incontaminata, per il fatto di essere delle vere e proprie spiagge nelle quali non è presente alcuna forma di inquinamento ambientale e nelle quali si potrebbe trascorrere un po’ di tempo a contemplare le meraviglie dell’ambiente naturale. Certo, proprio per il fatto che si tratta di ambienti incontaminati, a volte risultano di non facile accessibilità, ma vale la pena dare un’occhiata.

    Whitehaven Beach

    Whitehaven Beach è il primo luogo da non perdere. Si trova in Australia, nella zona della Grande Barriera Corallina. L’acqua cristallina e l’ambiente naturale limpido lo rendono un luogo adatto per entrare a far parte dei luoghi in cui si osserva una perfetta tutela ambientale.

    Matapalo

    Per la seconda spiaggia dobbiamo spostarci in Costa Rica, a Matapalo, nella Penisola di Osa. Questa zona è nello stato in cui si trova grazie anche all’area protetta che si trova in prossimità della spiaggia e che la rende quindi un importante luogo in cui viene preservata la biodiversità del Paese.

    Vacanze senza auto: le 10 mete che si raggiungono solo a piedi

    Parco Naturale della Baia Hanauma

    Al terzo posto troviamo il sogno di tutti i vacanzieri, una spiaggia alle Hawaii, con tanto di palme, nel Parco Naturale della Baia Hanauma, nello Oahu. Si tratta di un luogo di vacanza “a numero programmato”, visto che il governo ha deciso di stabilire un numero di utenti che non può essere oltrepassato, per evitare uno sconvolgimento dell’ambiente naturale del luogo.

    Ko Libong

    Continuando, nell’elenco troviamo la spiaggia di Ko Libong, isola thailandese ricca di numerose specie animali che difficilmente vedremo in stato di libertà in altre aree del mondo.

    10 regole per una vacanza davvero sostenibile

    Isole Cies

    Al quinto posto c’è una spiaggia spagnola, nelle Isole Cies, in Galizia. Si tratta di una spiaggia “ad impatto zero”, dato che qui, per preservare lo stato del luogo, non si può utilizzare l’auto e i visitatori sono ammessi in un numero stabilito.

    Baia di Sancho

    Al sesto posto c’è la Baia di Sancho, in Brasile, patrimonio dell’umanità dal 2011, divisa dal resto dell’arcipelago grazie ad una barriera di montagne e rocce.

    Short Sands

    Al settimo posto c’è la spiaggia Short Sands, nell’Oregon, un luogo all’interno del Parco dell’Oswald West State.

    Little Compton

    Infine troviamo anche la spiaggia di Little Compton (Rhode Island), un luogo incontaminato e meraviglioso dove si può restare a contatto con la natura e ritrovare se stessi.