Sconfitto l’abusivismo edilizio, la tutela ambientale vince in Sicilia

Sconfitto l’abusivismo edilizio, la tutela ambientale vince in Sicilia
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

L’abusivismo edilizio cede terreno a favore della tutela ambientale: l’ultima tappa di questa lunga storia tutta italiana si è svolta in Sicilia, a Modica, dove erano del tutto evidenti gli ennesimi eco-mostri, costruzioni fatiscenti e abbandonate sviluppate a ridosso delle coste, in aree del tutto prive di autorizzazioni per costruire.

Nate come case popolari, i tre ruderi che sono stati fatti esplodere nel quartiere periferico Treppiedi Nord hanno richiesto l’evacuazione di tutte le persone presenti nel raggio di 100 metri. Costruiti senza alcuna attenzione al vincolo paesaggistico in un periodo in cui nemmeno esisteva il pensiero dell’edilizia sostenibile, le case che sin dagli anni ’70 hanno creato solo un grave danno ambientale sono state così definitivamente abbattute.
Una forte esplosione ha quindi visto sgretolarsi gli otto piani in cui si innalzavano gli eco-mostri, una struttura di cui ormai rimaneva solo lo scheletro e la vergogna per quel terribile deturpamento del territorio. L’ennesima opera di edilizia pubblica mal riuscita e non completata è stata finalmente eliminata, e la speranza ora è quella di poter dare all’area una nuova impronta ecologica nell’ottica di uno sviluppo sostenibile.

226

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mar 06/09/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici