Sacchetti biodegradabili: cresce il fenomeno della contraffazione

Come abbiamo avuto modo di appronfondire poche ore fa, a partire dal 1 gennaio 2011 è scattato, in tutta la Penisola, l'obbligo di utilizzo di sacchetti di plastica biodegradabile in sostituzione dei sacchetti inquinanti

da , il

    Sacchetti biodegradabili

    Come abbiamo avuto modo di appronfondire poche ore fa, a partire dal 1 gennaio 2011 è scattato, in tutta la Penisola, l’obbligo di utilizzo di sacchetti di plastica biodegradabile in sostituzione dei sacchetti inquinanti. L’adozione non è stata priva di inadeguatezze, e pertanto non sorprende più di tanto scoprire che in alcune aree italiane sta crescendo a dismisura il fenomeno della contraffazione degli eco-shopper, dei veri e propri falsi sacchetti biodegradabili offerti a prezzi scontati.

    Del fenomeno, con riferimento al territorio napoletano, ha parlato recentemente Il Levante, secondo cui i falsi sacchetti biodegradabili verrebbero offerti in pacchi da 8 euro, contro i 12 euro di prezzo dei pacchi di buste ecologiche e rispettose della legge.

    La questione non fa che aggravare ulteriormente il passaggio – già di per sè faticoso – alla nuova normativa, che secondo quanto riportano le istituzioni locali sarebbe stata adottata correttamente da sette negozi su dieci.

    I controlli da effettuare nel corso dei prossimi mesi dovrebbero migliorare lo scenario.