Risparmio energetico in casa: 10 consigli utili

Risparmio energetico in casa: 10 consigli utili

    risparmio energetico in casaVolete alleggerire il vostro budget familiare? Iniziate dal risparmio energetico in casa! Più della metà del consumo di energia elettrica e gas è causato dal riscaldamento, che in effetti, è la voce più costosa delle bollette domestiche. Spesso, gran parte dell’energia consumata per climatizzare una casa viene dispersa: migliorando l’isolamento termico è possibile diminuire le spese per climatizzazione, sia in inverno che in estate, fino al 40%. Esistono tantissimi consigli utili per rendere una casa energeticamente più efficiente: tutto dipende da numerosi fattori legati non solo al vostro stile di vita, ma anche all’attuale efficienza energetica della vostra casa, alla voglia di migliorarla, alle dimensioni e alla posizione della stessa. Partendo da interventi semplici e poco costosi, potete risparmiare notevolmente e più risparmiate, più soldi in tasca avrete mese per mese per affrontare spese maggiori inerenti a progetti più costosi si, ma che utilizzano fonti di energia rinnovabili: isolamento termico, collettori solari per produrre acqua calda, impianti fotovoltaici per la produzione di corrente elettrica e altro. Scopriamo come!

    incentivi detrazioni fiscaliMolte Agenzie per l’Energia, locali e regionali, o anche le associazioni dei consumatori forniscono informazioni e consulenza, nonché una serie di altri servizi locali basati su fabbisogni energetici specifici del posto, compreso una serie di indirizzi dei professionisti che possono aiutarvi a costi contenuti. Fate eseguire un check up energetico della vostra casa, incluso un blower door test, in modo da capire quali interventi potete intraprendere. Informatevi sulle agevolazioni fiscali (ecobonus 65%) e sugli incentivi finanziari per l’acquisto di collettori solari, caldaie ad alto rendimento, pompe di calore e impianti fotovoltaici.

    termostatoSpegnete la luce quando uscite da una stanza a meno che non rientrate subito dopo, usate i termostati dei radiatori per programmare le ore di riscaldamento e di risparmio energetico: 20°C quando siete a casa e su 12°C quando andate a letto. In questo modo eviterete di produrre calore quando non occorre, riducendo i consumi energetici del 30%. Usate i programmi di risparmio dei vostri elettrodomestici e asciugate il vostro bucato all’aria e non nelle macchine asciugatrici.

    Sigillare finestrreTappate e impermeabilizzate tutte le fessure in particolare lì dove entrano tubi e cavi in casa, nel tetto e nello scantinato o comunque nei locali poco o per nulla frequentati, poi impermeabilizzate porte e finestre e nel caso, sostituitene i vetri rotti. I vetri delle finestre rappresentano una delle principali vie d’uscita per il calore e per risolvere questo problema si può ricorrere all’utilizzo dei doppi vetri e di serramenti a chiusura ermetica in grado isolare efficacemente.

    pannello  solare  termicoIl solare termico è una buona strategia per provvedere al riscaldamento dell’acqua calda sanitaria. Opera sfruttando la radiazione solare, ed un impianto abbastanza semplice e relativamente poco costoso rispetto agli altri, anche se più limitato. Il vantaggio principale è che si tratta di una tecnologia ormai affidabile e ben rodata. Per istallazioni in condominio le cose si complicano, in quanto potrebbe essere necessario collegare ogni singola abitazione all’impianto sul tetto.

    pompe di caloreCalore d’inverno e aria fresca durante l’estate, il tutto usando semplicemente energia solare pulita, quindi niente più metano ne combustibili inquinanti. I sistemi a pompa di calore sono più funzionali se abbinati con un impianto fotovoltaico e funzionano bene con impianti di riscaldamento a bassa temperatura, tipo il riscaldamento a pavimento. Il risparmio va dal 50 al 70 per cento rispetto ad una centrale termica tradizionale ed il suo costo, compresa l’installazione, può arrivare ai 12 mila euro/mq ma con gli incentivi si riduce alla metà.

    elettrodomestici eco friendlySostituite gli elettrodomestici con quelli nuovi a basso consumo idrico ed energetico. Il frigorifero, la cui capienza deve rispettare il fabbisogno familiare, deve essere posizionato lontano da fonti di calore che possano ridurne l’efficienza. Tenete sempre puliti il condensatore del frigo così come anche il filtro della lavatrice. Per quest’ultima e per la lavastoviglie, effettuate lavaggi solo a pieno carico, senza il prelavaggio. Spegnete completamente gli elettrodomestici: lo stato di stand-by rappresenta un consumo che incide sul portafoglio a fine anno.

    LED's up close.La semplice sostituzione delle lampadine a incandescenza con quelle a LED consente un forte abbattimento dei costi per l’illuminazione. Il LED è una tecnologia semplice ed affidabile, fino a 5 volte superiore rispetto ai sistemi tradizionali, utilizzabile per qualsiasi esigenza di illuminazione, senza dover intervenire sull’impianto, ma semplicemente sostituendo le fonti luminose preesistenti con i nuovi apparecchi a Led. Con la semplice sostituzione si può ottenere un risparmio del 60%, ed il periodo di ritorno su questo investimento è di 3 anni, il tutto senza emissione di calore e con un bassissimo impatto ambientale.

    acqua piovanaChe siano giardini o terrazzi, anche qui occorre usare buon senso, quindi installate dappertutto lampade a risparmio energetico e un timer che ne regoli l’accensione e lo spegnimento. Raccogliete e utilizzate se possibile acqua piovana, con la quale potrete alimentare gli sciacquoni del water, irrigare l’orto e il giardino, fare pulizia in casa e lavare l’auto. Adeguatamente filtrata e depurata può essere persino utilizzata nella piscina, nel bagno e nella doccia. L’acqua piovana può soddisfare circa il 50% del fabbisogno idrico domestico.

    risparmio idricoUna buona percentuale del consumo d’acqua è dovuta a perdite da rubinetti e sciacquoni. Gli sciacquoni moderni sono dotati di un tasto risparmio, grazie al quale una scarica si riduce soli 3-4 litri di acqua, invece che più del doppio. Installate articoli eco-friendly dai soffioni doccia, da 5 litri al minuto, alle bocche frangigetto su rubinetti di cucina e bagno che riducono il consumo del 30-50%, fino ai rubinetti “a serrata rapida”.

    impermeabilizzare tettoUna casa, con tetti e pareti ben coibentati e impermeabilizzati, non ha di un sistema di riscaldamento e di climatizzazione potenti. L’isolamento dei muri può essere realizzato dall’interno, dall’esterno o nell’intercapedine: tutti e tre i sistemi sono vantaggiosi. La scelta da adottare dipenderà dallo stato di degrado dell’edificio e dalla somma di denaro disponibile per la sua realizzazione. In questo caso si può approfittare delle agevolazioni fiscali!

    1397

    PIÙ POPOLARI