Rimedi naturali per tornare in forma: gli alleati della linea

L'estate è arrivata e i chili in più sono "davvero troppo"

da , il

    Il tempo stringe e l’ansia da prova bikini è dietro l’angolo:ecco una serie di rimedi naturali per tornare in forma, preziosi alleati della nostra linea. Con pazienza e determinazione, seguendo i nostri consigli, riuscirete a perdere qualche centimetro di troppo senza ricorrere a diete drastiche e soprattutto quelle fai-da-te!

    Inutile dire, che per tornare in forma, i rimedi da soli non fanno miracoli: occorre maggiore attenzione ad un’alimentazione giornaliera sana, ricca di frutta e verdura, accompagnata da una buona attività fisica e dall’assunzione di almeno 2 litri di acqua al giorno. Per chi davvero non riesce a fare sport per almeno 30 minuti al giorno, almeno una passeggiata nelle ore più fresche può portare comunque ottimi risultati.

    I rimedi naturali alleati della nostra linea

    Piatti più ricchi a pranzo e meno a cena: ovvio che per piatti più ricchi non intendiamo che a pranzo potete mangiare mezzo chilo di pasta, con tanto di “scarpetta” nel sughetto pieno di olio. Ci vuole buon senso, come in tutte le cose, pertanto va bene l’assunzione di carboidrati ma con moderazione e usando qualche trucchetto, come per esempio bere due bicchieri d’acqua prima dei pasti o mangiare insalata o altre verdure come primo piatto, vi sentirete sazi prima del solito e vi accontenterete del giusto quantitativo di carboidrati che vi serve. La cena dovrebbe essere leggera per molti motivi: dormirete meglio e l’indomani vi sentirete più leggeri, quindi più motivati a proseguire. Una ricca colazione a base di cereali integrali e frutta vi aiuterà ad affrontare al meglio la giornata, mentre per le ore restanti limitatevi a degli ottimi spuntini a base di frutta, per non arrivare a tavola affamati.

    Erbe brucia grassi e drenanti: ne sono infinite e potete scegliere in base ai svariati motivi che possono essere alla base di un ingrossamento corporeo. Può essere semplicemente dovuto ad un periodo di stravizi alimentari. oppure ad uno squilibrio dei reni. per esempio, che non riescono a smaltire tutte le tossine, provocando un rallentamento della circolazione. In tal caso, per una buona attività drenante e come coadiuvante dei reni, ottime sono le Tinture madri di Equiseto, Pilosella e Centella. Anche un momentaneo malfunzionamento del fegato, che in tal caso non elaborerebbe bene i cibi, potrebbe generare un surplus di scorie che si accumulerebbero nella parte bassa, causando ingrossamento sui fianchi. In tal caso, il tarassaco è il rimedio sgonfiante per eccellenza e se siete in un periodo di stress, potete accompagnarlo con la valeriana che aiuta a calmare i vostri nervi: usate una miscela di 1 ½ cucchiaio di valeriana e 2 cucchiai di tarassaco. Fate bollire per 10 minuti in 600 ml di acqua e bevete la tisana lontano dai pasti e prima di andare a letto. Da evitare in caso di calcoli alle vie biliari, ulcera gastrica e duodenale. Utili anche l’Orthosiphon e il Gallium Aparine: il primo, assunto come infuso o compresse, aiuta a depurare fegato e reni, contrastando il gonfiore nella zona fianchi, il senso di pesantezza e i ristagni. Poiché ha effetto diuretico, è consigliato bere molto durante la giornata. Il Gallio invece, stimola il drenaggio linfatico e favorisce l’attività disintossicante del fegato. Può essere utilizzato sia come liofilizzato che come infuso: un cucchiaino in una tazza d’acqua. Dalla fitoterapia, per depurare il fegato, arrivano ancora altri rimedi: la Tintura madre di Cynata Scolimus (carciofo), Fumaria Officinalis e l’estratto secco di Cardo mariano.

    Come attivare la termogenesi: le erbe che possono aiutarci

    La termogenesi è una serie di processi metabolici di ogni essere vivente, finalizzati alla produzione di energia ed è strettamente legata al metabolismo. Aumentando il metabolismo, aumenta la produzione di energia esercitata da ogni organismo, quindi aumenta la termogenesi. La maggiore produzione di energia avviene bruciando i grassi depositati ed è ovvio che questo accade se si fa movimento, ma è possibile influenzare il metabolismo basale di ogni individuo, cioè i processi metabolici di un corpo a riposo, aumentandolo e ottenendo lo stesso risultato. Esistono erbe officinali in grado di stimolare il metabolismo basale, che sono considerate efficaci dimagranti, come per esempio il Citrus aurantium e il Caffè verde, mentre dall’omeopatia, per stimolare il metabolismo, arriva la Nux Vomica alla 5CH.

    Sono prodotti naturali, ma non per questo privi di controindicazioni, quindi evitate il fai-da-te se volete assumerli, ma consigliatevi con un medico esperto, soprattutto se siete in particolari stati fisiologici e state assumendo altri farmaci. In alternativa l’aiuto ci arriva in cucina da madre natura:

    Limone

    Aiuta a perder peso e a depurare: la mattina, appena sveglie, provate a bere un bel bicchierone di acqua tiepida con il succo di un limone, a digiuno. Le prime volte potrebbe essere sgradevole il gusto, ma con l’andare del tempo vedrete i risultati e vi abituerete.

    Zenzero

    Lo zenzero ha proprietà dimagranti e non solo potete aggiungerlo ai vostri piatti ma è l’ingrediente perfetto di alcune tisane o bevande, Ve ne proponiamo alcune:

    Tè verde e zenzero: 50 gr di foglie di tè verde, 25 gr di zenzero essiccato e 20 gr di foglie di menta

    Agrumi e zenzero: un ottimo anti-cellulite che si ottiene triturando mezza radice di zenzero, unita alle scorze triturate di arancio, limone e pompelmo. Lasciate in infusione per 10 minuti.

    Semi di lino: da secoli sono note le proprietà benefiche di questi piccolissimi semi ricchi di acidi grassi Omega 3. Assumendoli appena tritati, a colazione con i cereali integrali, contribuiscono a dare una vera e propria sferzata di energia. I semi di lino aiutano la digestione, contribuiscono ad abbassare il colesterolo e i livelli di zucchero nel sangue. Aumentano il metabolismo, quindi aiutano a bruciare le calorie, mentre i nutrienti essenziali presenti nell’olio di semi di lino aumentano il consumo di ossigeno a livello cellulare, producendo energia ed una sensazione generale di benessere.

    Alga wakame

    E’ un alga bruna, che con il suo alto contenuto di iodio e selenio, influenza direttamente il metabolismo corporeo. In più, in essa è presente la fucoxantina, un carotenoide che attraverso una serie di processi, permette di bruciare i grassi impedendo che questi si depositino.

    Massaggi: un aiuto per la circolazione

    I massaggi sono un validissimo aiuto per stimolare la circolazione e contro il nemico numero uno delle donne: la cellulite. Un buon olio anticellulite potete farlo anche a casa utilizzando oli base, accompagnati da oli essenziali. Come olio di base potete usare olio di sesamo, olio di mandorle dolci o per fino olio di riso. Per esempio, potete unire: 45 gr di olio di mandorle dolci, 45 gr di olio di riso, e 13 gocce di olio essenziali di limone, 14 gocce di olio di mandarino, 9 gocce di olio di ginepro e 14 di menta. Se potete aggiungete 2 gr di tocoferolo, la vitamina E, che fa bene alla nostra pelle arricchendolo di qualche estratto tra betulla, centella o ippocastano.