Rimedi contro il caldo a letto: una guida naturale

L'afa è arrivata e con essa tutti i disagi che ne conseguono, soprattutto quelli che ci privano di un sano dormire, contribuendo così ad un forte disequilibrio psicofisico.

da , il

    Il caldo e l’afa sono assillanti e urgono rimedi contro il caldo a letto? Ebbene si! Il caldo ha una forte influenza sulla qualità del sonno: girasi e rigirarsi nel letto, svegliarsi durante la notte, completamente disidratati, sudati, in cerca di ciò che potrebbe portare ad un attimo di tregua , sono elementi che disturbano il sonno e la nostra carica biologica, causando un forte stress psicofisico. Se bagnarsi i polsi, farsi la doccia o semplicemente rinfrescarsi, insieme al bere, sono i metodi più usati per avere un immediato refrigerio, è anche vero che questo non può bastare! Ecco di seguito altri consigli utili per aiutarvi ad abbassare la temperatura durante il sonno, per ritrovare il piacere di un sano dormire.

    Il materasso

    Il materasso, se è di qualità e con le caratteristiche adatte, diventa senza dubbio un valido contributo per migliorare il piacere di dormire, contro l’insonnia dovuta alla calura estiva. Se avete un vecchio materasso, magari è arrivato il momento di cambiarlo: i materassi in lattice naturale e non sintetico, che sono provvisti di piccoli fori per una migliore traspirazione, quelli dotati di lastre forate per lo stesso motivo, la presenza di un sistema di fodera interna, che eviti il ristagno del sudore, facendolo evaporare velocemente, sono tutti elementi grazie ai quali è possibile affrontare al meglio le notti afose.

    I cuscini

    Un aiuto alternativo e abbastanza sorprendente, ma molto efficace, può essere quello di riporre nel freezer i guanciali uno o due ore prima di andare a letto, magari inserendoli in una borsa di plastica, per evitare che si formi ghiaccio sul tessuto.

    Le lenzuola

    Così come per i cuscini, idem per la biancheria da notte e le lenzuola: riponetele nel frigorifero per alcune ore, prima di andare a letto. Il calore viene eliminato attraverso le estremità, pertanto per i più audaci, riempite una bottiglia con dell’acqua e poi riponetela in congelatore: quando andate a letto portatela con voi, avvolgetela in un asciugamano e tenetela sotto le caviglie o anche sotto la nuca.

    L’aria

    Aprite tutte le finestre solo nelle ore serali o alle prime luci del mattino e permettete all’aria di circolare all’interno della vostra casa. Usate un ventilatore grande nella vostra stanza, meglio se installato sul soffitto: mettetelo al minimo e in modo tale che riesca a far circolare aria costantemente. Mettete del ghiaccio in un contenitore e posizionalo tra voi e il ventilatore; se invece avete un condizionatore, tenetelo acceso solo prima di andare a letto, poi spegnetelo, lasciando accesa solo la funzione deumidificante.

    L’idratazione

    Bevete molta acqua, circa 2 litri al giorno, non fredda, oppure optate per delle tisane, tiepide, per non rischiare di arrivare alla disidratazione. Uno dei rimedi più utili è una tisana composta da un litro di acqua portata ad ebollizione con 30 gr di foglie di menta piperita, da bere tiepida dopo una infusione di 5 minuti. Nel pasto serale le verdure diventano regine, ma come condimento, piuttosto che l’aceto, usate il limone, che aiuta a combattere la stanchezza e a rinforzare l’organismo. Potete anche prepararvi una bevanda rinfrescante, composta da una parte di succo di arancia, una parte di succo di carote, una parte di succo d’ananas senza zucchero,limone, un pizzico di zenzero in polvere e un cucchiaino di zucchero di canna.