Protezione animali: contro le pellicce anche Olivia Munn

Protezione animali: contro le pellicce anche Olivia Munn

Sono sempre di più i vip che si occupano di tutela ambientale, sviluppo sostenibile e protezione degli animali

da in Animali, Animali Selvatici, Conservazione ambiente, Maltrattamento Animali, Protezione Animali, Sviluppo Sostenibile
Ultimo aggiornamento:

    Anche una bellissima modella americana come Olivia Munn si è schierata a favore della protezione degli animali, in particolare a favore degli animali che invece vengono uccisi e maltrattati per farne delle pellicce. È solo l’ultima tra i vip di Hollywood che hanno scelto di fare qualcosa di concreto per tutela ambientale e per salvaguardare le specie di animali, soprattutto animali in estinzione.

    Al grido di “meglio nuda che con la pelliccia” la modella infatti si è mostrata senza veli per attirare l’attenzione e sottolineare l’importanza del tema della salvaguardia di alcuni animali rari, utilizzati per realizzare i così tanto discussi pregiati capi d’abbigliamento invernali. In un periodo in cui le pellicce rischiano di tornare di moda e la crisi economica fa diventare di secondaria importanza i problemi dell’ambiente o la vita degli animali, è importante che chi abbia il potere di fare clamore lo gestisca al meglio.

    Ora il bellissimo fisico di Olivia si trova appeso lungo le strade degli Stati Uniti per sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema così toccante: l’attrice e modella parla anche di come alcune specie di animali vengono trattate soprattutto in Cina, dove ci sono pochi controlli e visoni, conigli e volpi subiscono torture inenarrabili.

    Solo recentemente anche una starlette nazionale, Elisabetta Canalis, si era schierata a favore della stessa causa, sintomo del fatto che la tematica è così attuale da muovere le coscienze di molti.

    Probabilmente alcuni non gradiranno che le vicende di stars ricchissime si intreccino con la storia di piccoli e indifesi animali, ma se i vip prestano la loro notorietà per parlare di consumo critico, minore impatto ambientale e tutela degli animali è in realtà un’arma in più a favore di un migliore sviluppo sostenibile.

    327

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnimaliAnimali SelvaticiConservazione ambienteMaltrattamento AnimaliProtezione AnimaliSviluppo Sostenibile
    PIÙ POPOLARI