Pellicce tossiche in capi per bambini: la denuncia della Lav

Pellicce tossiche in capi per bambini: la denuncia della Lav

Pellicce tossiche sono state trovate in capi per bambini

da in Animali, Impatto ambientale, LAV, Moda Ecosostenibile, Protezione Animali, Tutela Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    pellicce tossiche in capi per bambini

    Pellicce tossiche in capi per bambini: a denunciare la questione è stata la Lav, che ha segnalato la presenza, in alcuni vestiti, di sostanze pericolose. In particolare sarebbero state individuate tracce di formaldeide, di cromo esavalente e di nonilfenolo etossilato. Queste sostanze nocive, in quantità superiore ai limiti di legge, sarebbero state trovate soprattutto nei bordi di pelo di alcuni giacconi. Secondo quello che ha denunciato la Lav, i capi di abbigliamento sarebbero destinati anche a bambini con un’età inferiore a 36 mesi. Non è la prima volta che la Lega Antivivisezione si occupa di denunciare la presenza di sostanze pericolose nei bordi di pelliccia di alcuni capi anche di note marche italiane, che mettono a punto prodotti destinati soprattutto al settore del lusso e a quello del bambino.

    Già il Ministero della Salute era intervenuto in questo senso, facendo ritirare del mercato molti dei prodotti segnalati. Sulla vicenda era stata aperta anche un’indagine. Adesso, però, arrivano nuove segnalazioni, che si riferiscono ad altre marche. Secondo la ricerca della nota associazione animalista, che ha provveduto a far effettuare sui vestiti delle precise analisi tossicologiche, le sostanze riscontrate potrebbero causare irritazioni e gravi problemi per la salute.

    Le sostanze chimiche riscontrate sarebbero impiegate nelle fasi di concia delle pellicce. I capi di abbigliamento risultanti vengono distribuiti sia attraverso negozi che online. Nei prodotti esaminati sono state trovate anche tracce di idrocarburi policiclici aromatici, sempre dannosi per l’ambiente e per la salute. I capi di abbigliamento sotto accusa sono stati reperiti tutti nel periodo che va da ottobre a novembre di quest’anno.

    SOSTANZE TOSSICHE NEI VESTITI: UNA GUIDA UTILE

    La Lav ha sollecitato il Ministero della Salute, in modo che venga predisposto un divieto temporaneo di esposizione in vendita di questi prodotti, e sta agendo, affinché venga vietato l’uso della pelliccia animale, almeno nei prodotti di vestiario destinati ai minori. Il responsabile della Lav campagna pellicce ha sottolineato come l’uso delle pelli degli animali non fa altro che causare sofferenza alle povere bestioline e finisce con l’essere pericoloso anche per la salute. L’invito è quello di limitare l’esposizione alle sostanze nocive, evitando di acquistare e di indossare prodotti che contengono la pelliccia animale.

    Guarda anche:

    Moda e sostanze tossiche: la nuova campagna di Greenpeace The King is Naked [VIDEO]
    Campagna Fur Free: Inditex aderisce alla moda senza pelliccia
    Borse e bijoux con materiale riciclato: Carmina Campus e la moda eco-friendly
    Moda sostenibile, intervista a Deborah Lucchetti di ‘Abiti puliti’: “Il Bangladesh è qui”
    Moda sostenibile e tinture naturali: le creazioni di Arte e Natura [VIDEO]
    Come riutilizzare i vecchi vestiti [FOTO]

    575

    Animali allevati per le pellicce
    Tossine pericolose per il nostro cervello
    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnimaliImpatto ambientaleLAVModa EcosostenibileProtezione AnimaliTutela Ambientale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI