Pastiera napoletana vegan: la ricetta cruelty free

Pastiera napoletana vegan: la ricetta cruelty free

La pastiera napoletana vegan può essere preparata senza ingredienti di origine animale

da in Ricette Vegan, Ricette vegetariane, Vivere green
Ultimo aggiornamento:

    pastiera napoletana vegan

    La pastiera napoletana vegan rappresenta una ricetta cruelty free a tutti gli effetti. Infatti, per la realizzazione del piatto, non vengono utilizzati ingredienti di origine animale. Tutto questo fa in modo che non dobbiamo rinunciare alla tradizione e allo stesso tempo possiamo portare avanti tutte le nostre migliori intenzioni, a vantaggio dei nostri amici animali. Vediamo insieme come si realizza il dolce.

    Per quanto riguarda gli ingredienti, dobbiamo distinguere quelli che occorrono per la pasta frolla e quelli che, invece, servono per il ripieno. Nel primo caso dobbiamo avere a nostra disposizione: 300 grammi di farina, 100 grammi di zucchero, 120 ml di latte di soia, 70 ml di olio d’oliva e un pizzico di bicarbonato. Per il ripieno ci servono: 250 grammi di grano cotto, 300 grammi di zucchero, 400 ml di latte di soia, 30 grammi di burro di soia, 250 grammi di tofu, 2 cucchiai di fecola di patate, scorza di limone a piacere, 2 cucchiai di vaniglia in polvere, cannella e acqua d’arancia quanto bastano.

    Iniziamo con il mettere a punto la pasta frolla. Disponiamo la farina a fontana, con al centro l’olio e lo zucchero. Amalgamiamo il tutto, incorporando via via la restante farina. Aggiungiamo il latte di soia e il bicarbonato. Da tutti questi ingredienti dobbiamo trarre un impasto a palla, che va lasciato riposare in frigo per circa 40 minuti. E’ arrivato il momento di passare alla crema pasticcera, anch’essa rigorosamente vegana (GUARDA QUI COME PREPARARE LA CREMA PASTICCERA SENZA UOVA). In un pentolino mescoliamo due cucchiai di fecola di patate e 50 grammi di zucchero. Portiamo il tutto ad ebollizione, aggiungendo via via 200 grammi di latte di soia. Nel frattempo mescoliamo e immettiamo la scorza di limone. Questa operazione deve essere fatta a fiamma bassa, in modo da far addensare l’amalgama, che poi deve raffreddare.

    Molto importante per il ripieno è anche la crema di grano.

    Questa si ottiene facendo cuocere il grano con 200 ml di latte di soia e 30 grammi di burro. A questi ingredienti aggiungiamo la scorza di limone e la vanillina. Anche in questo caso tutti gli elementi devono arrivare all’ebollizione a fiamma bassa, non trascurando mai di mescolare. Questa crema deve diventare poi tiepida. Ci serve adesso la crema di tofu. Passiamo nel passaverdure il tofu insieme a 250 grammi di zucchero. Al composto ottenuto uniamo la cannella, l’acqua d’arancia e la vanillina. A questo punto non ci resta altro da fare, se non mescolare i vari composti.

    Stendiamo poi la pasta frolla, foderando con essa una teglia di forma rotonda. Mettiamo il ripieno all’interno della pasta e con delle altre strisce di pasta frolla decoriamo il dolce nella parte superiore. Le varie strisce per formare le decorazioni devono essere intrecciate fra di loro. Infine spennelliamo tutto con del latte di soia e mettiamo nel forno a 180 gradi per circa un’ora. Il momento giusto per tirare fuori la pastiera dal forno è quando essa sarà completamente dorata. Una volta raffreddata, possiamo spolverizzare il dolce con dello zucchero a velo.

    Foto di contrasto_gp

    591

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Ricette VeganRicette vegetarianeVivere green
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI