Nuova Nissan Leaf: elettrica e sostenibile grazie al riciclo [FOTO]

La nuova Nissan Leaf è un'auto al 100% elettrica

da , il

    La nuova Nissan LEAF è un’automobile che può veramente definirsi al 100% elettrica. Oggi si può inquinare di meno grazie alle tecnologie innovative che puntano sulla riduzione delle emissioni. La nuova Nissan LEAF è stata progettata tenendo conto anche di un concetto molto importante in termini di rispetto dell’ambiente: il riciclo.

    Tutto parte dalla batteria, che può usufruire a tutti gli effetti di una seconda vita. Una volta che non funzionerà più ed avremo la necessità di sostituirla potrà essere riciclata ed utilizzata per fornire energia ad altri macchinari elettrici. Dopo questa fase, l’imballaggio protettivo potrà essere ancora recuperato e la cella interna frammentata nelle parti costituenti, in modo che anche per esse possa essere previsto un successivo riutilizzo.

    A questo scopo l’azienda ha provveduto a dotare i propri stabilimenti di nuove attrezzature, per riuscire a mettere in atto queste specifiche procedure in maniera efficiente. Le modalità, attraverso le quali si opera, sono due. La prima consiste nel rimuovere alcuni elementi del modulo batteria per poi utilizzarli come materiali grezzi. La seconda si serve di un processo di riscaldamento, destinato a recuperare il litio ancora utile.

    Ma non si tratta soltanto della batteria, visto che tutto il progetto della nuova Nissan LEAF ruota intorno all’opportunità offerta dal riciclo. Gli ingegneri della Nissan hanno cercato di mettere in atto un progetto che non si è limitato all’utilizzo di materiali nuovi, presi direttamente dal catalogo. Un esempio su tutti? I sedili sono stati ricavati attraverso un processo di recupero delle bottiglie di plastica.

    I bordi del tetto, le rifiniture delle portiere, il pianale: anche queste parti sono state realizzate con elementi riciclati. Complessivamente possiamo dire che più del 20% di Nissan LEAF proviene proprio da elementi di recupero. Particolare attenzione, da questo punto di vista, deve essere prestata ai paraurti. Nissan li ha messi a punto tramite un processo di riutilizzo di materiali che è esclusivo dell’azienda di produzione.

    Riciclo non è sinonimo di scarsa qualità. Significa essenzialmente contribuire ad un mondo più sostenibile, non dimenticando nemmeno la sicurezza. Terminato il suo ciclo di vita, il 99% dei materiali di cui è composta la nuova Nissan LEAF può essere riutilizzato. Appare chiaro, quindi, che anche l’energia elettrica impiegata per la realizzazione dell’intera automobile non viene sprecata, ma viene semplicemente trasferita da un punto all’altro della catena di montaggio, costituendo una risorsa sempre viva e capace di dare molto in termini di prospettive. La nuova Nissan LEAF anche in questo modo vuole rimediare agli sprechi che spesso vengono prodotti nel processo di produzione, una nuova linea per pensare all’ecosostenibilità.