Malattie dovute all’inquinamento: quali sono e come prevenirle

Malattie dovute all'inquinamento: quali sono e come prevenirle efficacemente.

da , il

    Malattie dovute all’inquinamento, quali sono e come prevenirle? Che l’inquinamento sia dannoso per la nostra salute è cosa risaputa, tant’è che la medicina ufficiale ne conferma la pericolosità associandolo a tutta una serie di patologie polmonari, cardiocircolatorie e a carico del sistema immunitario. Dalle allergie all’asma, dal lupus eritematoso al cancro, malattie che hanno più probabilità di manifestarsi in individui che vivono in zone particolarmente inquinate. Il problema insorge quando le concentrazioni dei cosiddetti contaminanti aumentano vertiginosamente con tutte le conseguenze del caso.

    Affezioni respiratorie

    Patologie respiratorie e persistenza di sintomi correlati come tosse frequente piuttosto che affanni respiratori sono direttamente correlate all’esposizione di adulti e bambini all’inquinamento atmosferico. Tant’è che risultano statisticamente più frequenti nelle grandi città ad alto tasso di inquinamento. Inoltre le polveri sottili e gli inquinanti gassosi inalati con il respiro causerebbero infiammazioni polmonari, a loro volta collegate ad alterazioni del sistema nervoso autonomo. Le conseguenze più ovvie sono tachicardia, aritmie ed ipertensione.

    Cancro

    Si è dibattuto molto sulla relazione fra smog e cancro, soprattutto di tipo polmonare, e diverse ricerche, negli ultimi anni, l’hanno confermata sulla base di studi statistici. Tant’è vero che l’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro, IARC, avrebbe classificato l’inquinamento atmosferico e le cosiddette polveri sottili fra i cancerogeni umani di tipo 1.

    Scopri le regole per combattere i danni ambientali a tavola dovuti all’inquinamento

    Patologie cardiovascolari

    Sono molti gli studi che hanno rilevato una relazione tra inquinamento atmosferico e incremento della mortalità cardiovascolare. Si è evidenziato soprattutto un significativo aumento dei casi di infarto miocardico acuto, ictus, cardiopatia ischemica.

    Scopri le città sostenibili più green del mondo

    Morti premature

    Secondo l’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, l’inquinamento atmosferico, outdoor e indoor, causerebbe la morte prematura di 7 milioni di persone all’anno. Colpa delle sostanze presenti nell’aria che quotidianamente siamo costretti a respirare. Ma a sconcertare è il fatto che l’aria interna, soprattutto quella contaminata dalla combustione di legna e carbone, sarebbe responsabile di 4,3 milioni di morti, quindi ancor più insidiosa dell’inquinamento outdoor.

    Come prevenire le malattie da inquinamento

    Il modo più semplice e ovvio per proteggersi dall’inquinamento atmosferico, specialmente se si vive in città, è evitare di uscire negli orari o nelle giornate in cui i livelli sono più elevati, informazioni deducibili dai bollettini appositi. Non usare l’auto quotidianamente è invece una pratica che tutti noi dovremmo apprendere per contribuire attivamente alla riduzione degli inquinanti. Per non parlare poi degli sprechi domestici, come un uso sconsiderato del riscaldamento, abitudini pericolose che dovremo necessariamente correggere.