Le centrali nucleari sicure trovano l’approvazione del Dalai Lama

Le centrali nucleari sicure trovano l'approvazione del Dalai Lama, il quale ha dichiarato che, nell’ambito dell’eliminazione del divario fra ricchi e poveri, dobbiamo sfruttare tutte le possibilità che abbiamo in tema di fonti energetiche

da , il

    Le centrali nucleari sicure, almeno quelle di uso civile, vengono apprezzate anche dal Dalai Lama. Si è tanto dibattuto sulla sicurezza nucleare, specialmente in seguito al terremoto in Giappone e al disastro nucleare che ha causato tantissimi problemi. In molti hanno detto che non è possibile pensare alla sicurezza degli impianti nucleari, perché comunque i rischi connessi alle centrali nucleari sono tanti e molti sono imprevedibili. Eppure non la pensa così la massima autorità spirituale del Buddismo. E chi se l’aspettava che il Dalai Lama fosse favorevole agli impianti nucleari?

    Il Dalai Lama ha espresso la sua opinione a Sky Tg24, nel corso della sua visita ad alcuni sopravvissuti delle zone colpite dal terremoto in Giappone, che sono diventate anche le regioni vittime dell’incidente nucleare, che ha interessato la centrale nucleare di Fukushima.

    In seguito al terremoto in Giappone si è fatto sentire il pericolo nucleare e diverse nel mondo sono state le reazioni sul nucleare proprio in seguito al terremoto in Giappone.

    Fukushima ha rilasciato nell’atmosfera più materiali radioattivi di Chernobyl, l’impatto ambientale è stato disastroso. Ma anche il Dalai Lama sembra ignorare tutto ciò? Ecco quali sono state esattamente le sue parole:

    “Abbiamo bisogno di più energia ma finché non troviamo un’alternativa ai beni combustibili fossili, una fonte di energia pulita che non danneggi l’ambiente, fino a quel momento dobbiamo sfruttare tutte le possibilità che abbiamo.”

    Ma non pensiamo che le sue parole siano state affrettate. Infatti essi si inseriscono all’interno di un discorso più complesso, che ha l’obiettivo di trovare una soluzione per eliminare il divario fra i ricchi e i poveri.