Lampadine LED: come sceglierle e come usarle

Lampadine LED: come sceglierle e come usarle

Per i nostri lettori una guida interessante al mondo delle lampadine a LED

da in Ecodesign, Illuminazione a LED, Primo Piano, Risparmio Energetico, Sviluppo Sostenibile
Ultimo aggiornamento:

    lampadine led

    Lampadine LED, queste sconosciute. Appurato che le lampadine a fluorescenza sono obsolete, inquinanti e volte a un consumo maggiore, sono l’illuminazione migliore. Ma prima di elencarne i numerosi vantaggi, è opportuno far capire ai nostri lettori di che cosa stiamo parlando quando tiriamo in ballo la parola LED. Innanzitutto, “LED” è acronimo di “Light Emitting Diode”. Italianizzato, significa “Diodo Emettitore di Luce”. Elettronicamente parlando è un diodo comune a semiconduttore che fa passare corrente in un verso solo, i cui poli si referenziano con i termini Anodo e Catodo i quali, al passaggio di elettricità (da un polo all’altro), permettono l’emissione di luce.

    Vantaggi delle lampadine Led

    lampadine led illuminazione raggio

    I vantaggi derivati dall’utilizzo delle lampade LED sono molti. Prima di tutto, la lunga durata. Una lampadina a LED ha un’autonomia di vita dalle 50mila alle 80mila ore, a dispetto delle 10mila (e anche meno) delle lampade a fluorescenza. Questa maggiore autonomia è traducibile in un risparmio di tempo, dal momento che bisogna sostituirle meno volte. Secondo vantaggio: i consumi. Una lampadina LED comporta un risparmio energetico superiore, dunque anche economico. Terza virtù: sviluppa meno calore rispetto una lampada ad incandescenza o alogena.

    Quarto vantaggio: dimensioni inferiori, struttura flessibile che favorisce un’illuminazione creativa (nel pieno rispetto dell’ecodesign). Quinto vantaggio: funzionano a bassa tensione (come 12 o 24v) e possono essere utilizzate in mezzi di trasporto come auto e camper senza trasformatori, mantenendo comunque un ottimo rendimento.

    Svantaggi delle lampadine Led

    lampadine led illuminazione

    Allo stato attuale, gli unici svantaggi che comporta la scelta di lampadine LED sono: costo superiore del prodotto rispetto ad altre lampade tradizionali non a risparmio energetico; necessità di utilizzare più LED per avere un’illuminazione a lungo raggio, in alcuni casi necessitano di un alimentatore. Alcune di queste “pecche” sono trascurabili, altre col tempo (e l’evoluzione tecnologica) molto probabilmente verranno superate. L’unica cosa certa che sappiamo è che nel 2012 la soluzione di illuminazione a risparmio energetico (quindi anche LED) sarà l’unica possibile in quanto le lampade tradizionali verranno messe al bando e rimosse dal mercato.

    Lampadine Led: rendimento e scelta finale

    lampadine led scelta

    Per quanto riguarda il rendimento, 1 watt a LED equivale a circa 4 watt ad incandescenza o alogeno. In altre parole, ha una resa molto simile alle lampade a risparmio energetico a Neon. Dal momento in cui si decide di acquistare una lampadina LED, bisogna fare molta attenzione al numero di Lumens che emette, poichè questo numero determina l’efficacia effettiva dell’illuminazione. Bisogna considerare una media di 80 Lumens/watt in mancanza di altri parametri.

    Se volete leggere altri nostri articoli che trattano le lampadine a LED e l’illuminazione a risparmio energetico, ecco alcuni consigli:
    Bioedilizia: il futuro è nelle pareti luminose
    Risparmio energetico: Led per i semafori di Bergamo
    Fotovoltaico: ombrellone solare a LED, illuminare gratis il giardino
    “Santo Graal”, l’eco-lampadina del futuro

    683

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EcodesignIlluminazione a LEDPrimo PianoRisparmio EnergeticoSviluppo Sostenibile
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI