La raccolta differenziata anche con il cassonetto intelligente: funziona con la smart card

La raccolta differenziata anche con il cassonetto intelligente: funziona con la smart card

raccolta differenziata modena tracciabilita rifiuti smart card

La raccolta differenziata rappresenta un’ottima possibilità in termini di sostenibilità ambientale, perché contribuisce a determinare un impatto ridotto sull’ambiente da parte dei rifiuti. Adesso è stato messo a punto un altro strumento molto importante. Si tratta del cassonetto intelligente, che si può aprire con la smart card e serve in particolare ad intercettare i rifiuti elettrici ed elettronici. L’obiettivo è quello di tracciare tutto il ciclo dei rifiuti elettronici, in modo da favorire il rispetto dell’ambiente.

A cura di Gianluca Rini

Per il momento il progetto è partito dall’Emilia Romagna e serve a mettere in atto le regole che sono state stabilite a livello europeo sulla gestione dei rifiuti elettronici. E’ stata fatta una sperimentazione su 2.000 cittadini e poi si è allargato il raggio di azione.

Non si deve fare altro che premere il pulsante che si trova sul lato anteriore del cassonetto e poggiare la scheda elettronica sull’apposito lettore. I cassonetti in questo modo riconoscono il cittadino che butta i rifiuti e possono mappare le sue abitudini sulla raccolta differenziata.

Per chi non ha la scheda ci sono comunque dei cassonetti aperti. L’esperimento durerà quattro anni e avrà anche l’obiettivo di aumentare il recupero di alcuni materiali che sono contenuti nei rifiuti elettronici e che possono essere recuperati per essere riutilizzati.

Sono stati realizzati anche dei camion dotati di sensori per svuotare i cassonetti intelligenti, in grado di pesare anche il carico di spazzatura. In questo modo negli impianti di smaltimento o di recupero tutto sarà più facile. A disposizione anche una speciale applicazione per smartphone, che funge da guida sulle tipologie di rifiuti e sulle stazioni ecologiche.

A Modena la raccolta differenziata con la tracciabilità dei rifiuti con la smart card

La raccolta differenziata è essenziale per promuovere la sostenibilità ambientale. Ma servono anche delle adeguate strategie per favorire in modo pratico la differenziazione dei rifiuti. in questo senso sicuramente piuttosto innovativo è il sistema adottato in provincia di Modena, precisamente a San Vito di Spilamberto. Si tratta della possibilità della tracciabilità dei rifiuti attraverso l’ausilio di una smart card. Molto interessante come idea, che potrebbe servire anche da sensibilizzazione ambientale, puntando proprio sulla consapevolezza.

Il sindaco di Spilamberto, Francesco Lamandini, ha fatto notare:

“Il nuovo sistema è estremamente semplice da utilizzare, ma siamo consapevoli che per il successo del progetto la collaborazione di tutti i cittadini sarà decisiva. Lo scopo del cambiamento è arrivare al 70% di raccolta differenziata, senza incidere sui costi del servizio.”

I cittadini avranno a disposizione una tessera intelligente, con la quale monitorare tutta la gestione dei rifiuti, seguendo il percorso della spazzatura dal cassonetto al processo di smaltimento e di riciclo.

Nella raccolta differenziata dei rifiuti le famiglie italiane sono indietro, ma queste soluzioni alternative possono dare un nuovo impulso alla differenziazione.

Eppure in merito alla raccolta differenziata e al riciclo dei rifiuti, buone notizie arrivano sul fronte Conai e buoni risultati si registrano per la raccolta differenziata al Nord Italia con il merito attribuibile alle donne. Ma si può fare ancora molto di più, escogitando soluzioni accattivanti e ingegnose come la smart card di San Vito di Spilamberto.

637

Segui Ecoo

Mar 28/02/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Mary 25 marzo 2012 04:38

Ciao ragazzi, non vivo a Sans ormai da tempo. L’altro ieri ho fatto un salto ed ho nattoo, almen sop a vij a Prucin, che la sera quasi tutti depongono il loro contenitore con i rifiuti da buttare. Non credevo ai miei okki! Al che ho pensato “Tenn prorpj nu bbonn spacciator qu !”. Ciao a tutti.

Rispondi Segnala abuso
Seguici