L’oro nero mette a rischio le Isole Egadi? Dubbi sul ruolo della famiglia Prestigiacomo

L’oro nero mette a rischio le Isole Egadi? Dubbi sul ruolo della famiglia Prestigiacomo
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

oro nero isole sicilia

L’oro nero e la sua ricerca può spingersi fino alle Isole Egadi: è questo che temono i siciliani, preoccupati soprattutto dagli affari della famiglia Prestigiacomo. I dubbi riguardano la capacità di una corretta supervisione del Ministro dell’Ambiente per la concessione dei permessi delle aree dove trivellare, dato che al momento risultano almeno più di quaranta richieste pendenti.

Il mare di Sicilia rischia quindi di essere circondato dalle trivelle: se questo potrebbe migliorare le quotazioni del petrolio almeno nella Penisola -dato che così dipenderemmo meno dalle forniture estere-, sono i problemi ambientali che coinvolgerebbero il mare Mediterraneo a destare maggiore preoccupazioni, i quali si riassumono soprattutto nell’inquinamento da petrolio nel mare e nell’esempio di altri disastri avvenuti in aree marine soggette a trivellazione.
La questione della famiglia Prestigiacomo non riguarda la legalità bensì la correttezza di determinate azioni, al di là della legge stessa: le società da loro amministrate, infatti, sono implicati in affari strettamente correlati con chi si occupa di estrarre il greggio e questo, chiaramente, non può destare la massima fiducia negli abitanti delle isole della Sicilia.

245

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Ven 02/09/2011 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici