L’inquinamento del mare della regione Puglia si fa sentire sulle cozze

L’inquinamento del mare della regione Puglia si fa sentire sulle cozze

L’inquinamento del mare si rivela in tutta la sua pericolosità nella Regione Puglia, in particolare nel mare di Taranto, dove le cozze di mare sono tra gli animali marini con il più alto livello di diossina

da in Animali Selvatici, Impatto ambientale, Inquinamento Mare, Tutela Ambientale, Monitoraggio ambientale
Ultimo aggiornamento:

    inquinamento mare regione puglia cozze diossina

    L’inquinamento del mare della regione Puglia rischia di diventare un problema serio: l’ultima notizia riguarda le cozze di mare, dove sarebbero stati riscontrati livelli di diossina talmente elevati che l’Asl ne ha impedito la commercializzazione. Le analisi effettuate nel mese di giugno, i cui esiti sono stati ricevuti solo recentemente, non lasciano dubbi.

    Si tratta, in particolare, del mare di Taranto che sarebbe molto inquinato per animali marini e, di conseguenza, per la pesca stessa: indicatore della situazione è il livello di diossina, sempre più elevato.

    Una situazione così allarmante dell’acqua salata non comporta solo problemi a livello di impatto ambientale o di protezione animali: le cozze, infatti, non sono mangiate solo dall’uomo, ma anche da animali del mare come orate e saraghi. Il rischio, dunque, è che la catena alimentare sia pericolosamente tossica a causa dell’inquinamento del mare e la diossina si moltiplichi tra le diverse specie.

    219

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Animali SelvaticiImpatto ambientaleInquinamento MareTutela AmbientaleMonitoraggio ambientale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI