L’ecomostro di Scala dei Turchi è stato abbattuto: una vittoria per l’ambiente

L’ecomostro di Scala dei Turchi è stato abbattuto: una vittoria per l’ambiente

E’ stato abbattuto l’ecomostro della Scala dei Turchi

da in Ecomostri, Inquinamento Ambientale, Legambiente, Tutela Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    ecomostro scala dei turchi

    E’ stato abbattuto l’ecomostro di Scala dei Turchi, che ha deturpato il paesaggio della spiaggia per più di 20 anni. Un paradiso terrestre che potrà ritornare ad offrire uno spettacolo naturale meraviglioso, con la sua roccia di colore chiaro capace di ammaliare coloro che si recano presso questo luogo. Il fabbricato in cemento è stato costruito nel 1989 ed è un vero e proprio frutto della speculazione edilizia e delle concessioni di costruzione che sono state elargite facilmente negli anni ’80. Era stata data l’autorizzazione per realizzare un complesso turistico ad una società di Porto Empedocle. Poi il tutto si era risolto nel nulla e il risultato era stato rappresentato dalla deturpazione di una costa tutta da valorizzare. Gli ambientalisti hanno ottenuto la vittoria che aspettavano da tanto tempo.

    Ecco perché lo stesso assessore regionale al Territorio ed Ambiente Mariella Lo Bello ha dichiarato che si tratta di una pagina storica per la tutela naturale e contro l’abusivismo. Allo stesso modo entusiasta il presidente di Legambiente Sicilia Mimmo Fontana, che ha sottolineato quella che a tutti gli effetti si può considerare una giornata storica. Lo stesso ha specificato che si è arrivati a questa demolizione non solo perché si è concluso un contenzioso di carattere amministrativo, ma anche perché è cambiato l’atteggiamento della Procura e del Comune. Sempre più sindaci puntano a valorizzare il territorio, recuperandone la bellezza. E’ come se si stesse provvedendo a cancellare una ferita, che col passare del tempo poteva rivelarsi veramente dannosa. L’ambientalista Claudia Casa ha affermato che l’attesa è stata lunga, ma si è arrivati ad un risultato decisivo.

    La meravigliosa Scala dei Turchi di Agrigento, capolavoro naturale che sorge a picco sul mare, è stata racchiusa tra una cornice terribile fatta di cemento. In prossimità di questo piccolo paradiso terrestre esistevano due strutture (o meglio due scheletri) edilizie incompiute e inutilizzate che creavano solo un disagio ambientale.

    I turisti si sono lamentati, a ragione, perché non è possibile incastonare degli edifici del genere in questa bellezza naturale.
    Legambiente si è battuta a lungo per far radere al suolo questi edifici. Ma pare che la situazione siciliana sia stata alquanto complessa. Giuseppe Arnone, responsabile antiabusivismo di Legambiente, era stato fautore della campagna di abbattimento di un ecomostro nel barese, e in quel caso ottenne il successo sperato. Quando, però, i politici agrigentini hanno capito che le intenzioni di Arnone erano anche quelle di demolire gli ecomostri della Scala dei Turchi, si è eretto un muro (di cemento armato).
    Lo stesso Arnone aveva dichiarato: “Sono sempre convinto che debbano essere abbattuti, ma certe battaglie non posso farle da solo“. Del resto, serviva la cooperazione di tutti per un progetto così importante. Certo è che una delle meraviglie della natura italiane così imponente non meritasse un trattamento simile. Nel 2007, il comune di Realmonte ha persino fatto richiesta all’Unesco affinchè il luogo naturalistico diventasse patrimonio dell’Umanità.

    526

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EcomostriInquinamento AmbientaleLegambienteTutela Ambientale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI