Inquinamento laghi italiani: 62.5% presenta dati allarmanti

Inquinamento laghi italiani: 62.5% presenta dati allarmanti
da in Inquinamento, Inquinamento Acqua, Inquinamento Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    lago inquinati

    Critica e preoccupante la situazione dei laghi italiani, soprattutto al Nord. Su 64 punti monitorati negli specchi d’acqua concentrati nel Centro Nord, ben il 62,5% risulterebbe inquinato, in alcuni casi anche in modo eccessivo. Un dato piuttosto preoccupante e negativo, aggiungendo il fatto che gran parte dei campioni di acqua, fuori norma, sarebbe stato prelevato alla foce di fiumi e torrenti.

    Questo confermerebbe il fatto che i problemi di inquinamento di laghi provengono, soprattutto, dagli scarichi dei comuni dell’entroterra. Il problema dei depuratori non funzionanti riguarderebbe, maggiormente, il nord Italia. È quanto è emerge dal report emesso da Goletta dei Laghi di Legambiente, la campagna, giunta alla settima edizione, eseguita per tenere sotto controllo gli specchi d’acqua italiani.

    Durante il passaggio della Goletta dei laghi di Legambiente, quindi, su un totale di 64 punti monitorati dal laboratorio mobile di Legambiente, 40 hanno riportato un livello di batteri fecali oltre il limite concesso dalla legge.

    Solo il 37 per cento delle acque lacustri, a livello nazionale avrebbe raggiunto la classe di buona qualità, secondo quanto dettato dalla normativa europea e la relativa scadenza prevista per il 2015, sul buono stato dei corsi d’acqua. Risulta, pertanto, urgente che venga attivato un monitoraggio attento e costante su tutti i laghi italiani e vengano apportati, il prima possibile, azioni di risanamento al fine di riportare in buona salute il nostro ambiente e rispettare le scadenze stabilite dalla direttiva europea 2000/60, tale da evitare, soprattutto, di ricevere pesanti sanzioni economiche.

    Dall’analisi ben 36 laghi risulterebbero fuori legge, tanto da meritare la maglia nera. Tutti concentrati al nord Italia.

    Su 7 punti campionati sul lago Iseo, per esempio, 6 sono risultati inquinati. Di questi 5 contenevano la presenza di batteri fecali oltre il limite consentito dalla legge, classificandosi come inquinanti.

    Sul lago di Como, 10 punti su 13 sono risultati fortemente inquinati, sul lago Maggiore 5 punti su 6, sul Lago di Varese 2 punti su 3 campionati, sul Lago di Lugano 2 punti su tre campionati, su lago di Garda, 8 punti si 14 sono risultati fortemente critici, 5 dei quali fortemente inquinati e 3 inquinati. Situazione critica e preoccupante anche nel Lazio. I dati dimostrano, come sottolinea Giorgio Zampetti, di Legambiente, come il problema degli scarichi civili non depurati, non riguarda solo i grandi laghi del nord ma anche i laghi presenti verso il centro.

    Sanjay B

    435

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InquinamentoInquinamento AcquaInquinamento Ambientale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI