Il vetro che salverà milioni di uccellini: la nuova scoperta

Il vetro che salverà milioni di uccellini: la nuova scoperta

Esistono delle tecnologie innovative in grado di creare un vetro capace di salvare milioni di uccellini dalle collisioni contro le finestre

da in Animali, Animali Selvatici, Innovazione, Protezione Animali
Ultimo aggiornamento:

    vetro uccellini

    Il vetro che salverà milioni di uccellini potrebbe presto diventare realtà, visto che sono tante le nuove tecnologie, studiate dai massimi esperti in materia, che si propongono di rimediare a un problema complesso. Non è una questione che si può sottovalutare, perché, considerati anche i numeri, il problema sembra essere molto diffuso. Eppure siamo in grado di evitare che gli uccelli volino contro le finestre, andando a sbattere sui vetri. Il settore è in crescita e si studiano soluzioni sempre più innovative, che possono veramente risolvere un problema che sta a cuore a tutti coloro che amano gli animali.

    Secondo le ultime stime, sono 600 milioni gli uccelli che ogni anno, soltanto negli Stati Uniti e in Canada, muoiono a causa di collisioni con le finestre. A noi sembrano dei fenomeni occasionali; registriamo soltanto pochi tonfi, ma, se consideriamo la totalità della questione, i numeri sono davvero sbalorditivi. Alcuni esperti hanno affermato che le collisioni con le finestre uccidono più uccelli rispetto ai disastri provocati dalle fuoriuscite di petrolio o dai pesticidi. I periodi particolarmente rischiosi sono quelli delle migrazioni, in primavera e in autunno, quando, di città in città, passano grandi stormi di uccelli.

    In commercio ci sono già molte soluzioni e altre sono in fase di sperimentazione. Ad esempio, ci sono dei tipi di vetro che agli occhi degli uomini appaiono trasparenti, ma che gli uccelli, invece, sono in grado di distinguere in maniera molto precisa, in modo da poterli evitare. Come suggeriscono anche esperti nel campo dell’architettura, si dovrebbero evitare i posizionamenti dei vetri vicino a degli specchi d’acqua e, inoltre, sarebbero da limitare tutti quegli effetti determinati dai riflessi del sole, che confondono gli animaletti, facendo apparire ampi scenari con il cielo azzurro e le nuvole.

    La gamma delle soluzioni, per le quali si può optare, è veramente vasta.

    Le soluzioni più semplici, che si possono applicare alle strutture esistenti, comprendono schermi esterni alle finestre, come gli ombrelloni o la pittura a tempera, per formare delle figure sui vetri. Ad esempio spesso si ricorre al disegno di linee orizzontali, che dovrebbero essere distanziate non più di 5 centimetri. Si possono tratteggiare anche delle linee verticali, a 10 centimetri di distanza l’una dall’altra, perché si sa che gli uccelli non volano attraverso qualcosa che abbia queste misure. Non basta disegnare la sagoma di un falco o di un uccello predatore su una finestra, perché questo serve a fare soltanto in modo che gli uccelli volino attorno, sbattendo lo stesso sui vetri. Sono stati studiati dei vetri visibili soltanto da chi è in grado di percepire una determinata gamma di raggi ultravioletti. Tuttavia non è possibile applicare questo rimedio su scala generale, perché non tutte le specie di uccelli percepiscono gli stessi raggi ultravioletti. L’ideale sarebbe ricercare un modello che rifletta le lunghezze d’onda viste dalla gran parte delle specie volatili.

    Foto di seanmcgrath

    558

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnimaliAnimali SelvaticiInnovazioneProtezione Animali
    PIÙ POPOLARI