Il Referendum in Puglia per l’acqua è servito?

Il Referendum in Puglia per l’acqua è servito?

Dopo il referendum in Puglia sull’acqua si è subito ritornati alla gestione pubblica dell’acquedotto, ma allo stesso tempo non si è applicato il taglio del 7% sulle tariffe dell’acqua

da in Acqua, Sostenibilità Ambientale, Sviluppo Sostenibile, Top Green, Tutela Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    referendum puglia acqua

    Il Referendum in Puglia per l’acqua è servito? Una domanda alla quale è difficile rispondere con sicurezza, visto che, dopo i risultati del referendum 2011, nella regione in questione sono state adottate delle misure per certi versi contraddittorie o comunque non in linea con la volontà espressa dai Pugliesi che si sono recati alle urne. È stata accolta tempestivamente la richiesta contro la privatizzazione dell’acqua, trasformando l’acquedotto pugliese in un vero e proprio bene pubblico, ma si è deciso di non rinunciare alla remunerazione del capitale del 7%. Un successo solo a metà?

    Dopo il referendum in Puglia la gestione pubblica dell’acquedotto
    referendum puglia acquedotto
    Dopo il referendum in Puglia si è passati quasi subito alla gestione pubblica dell’acquedotto. Un’azione presa con uno specifico provvedimento, “Governo e gestione del Servizio idrico integrato – Costituzione dell’Azienda pubblica regionale “Acquedotto pugliese (Aqp)”, che il governatore Nichi Vendola ha annunciato come il punto di partenza, per rispondere al desiderio di cambiamento e della difesa dei beni comuni affermata dalla cittadinanza con la vittoria dei sì in occasione del referendum sull’acqua pubblica. Da questo punto di vista sembra che il referendum sull’acqua pubblica contro la privatizzazione sia servito a qualcosa.

    Dopo il referendum in Puglia niente taglio del 7% sulle tariffe
    referendum puglia tariffe acqua
    Dopo il referendum in Puglia non si è applicato il taglio del 7% sulle tariffe dell’acqua. Una posizione per certi versi impopolare quella di Nichi Vendola, che sembra non aver tenuto conto dell’espressione della volontà popolare, che ha votato in maggioranza sì in riferimento ad entrambi i quesiti referendari sull’acqua. Il governatore regionale ha spiegato le ragioni che stanno alla base della scelta, facendo notare come il 7% in questione rappresenta la copertura di un debito e quindi un costo. Inoltre proprio questo 7% non viene usato in modo opportuno per effettuare degli investimenti. Tutto ciò in ogni caso non è stato spiegato ai cittadini prima dello stesso referendum, in modo da poter mettere in atto una scelta consapevole.

    Dopo il referendum in Puglia la posizione dei Verdi
    referendum puglia verdi acqua pubblica
    Dopo il referendum in Puglia la posizione dei Verdi appare piuttosto chiara. Angelo Bonelli, presidente dei Verdi a questo proposito ha fatto notare che la legge frutto di una volontà popolare va applicata in tutto e per tutto. Se la legge stabilisce che le tariffe sull’acqua vanno tagliate, non ci dovrebbe essere nessuna remora nel procedere in questo senso. D’altronde i risultati del referendum 2011 non potevano non suscitare reazioni su acqua e nucleare. Quella di Nichi Vendola è una strategia quindi che non sembra del tutto chiara e che in molti hanno contestato. A cosa è servito altrimenti il referendum sull’acqua pubblica?

    Chi è interessato a saperne di più sul referendum in Puglia e in generale sul referendum 2011 può leggere anche i seguenti articoli:

    Acqua pubblica o privata? Come votare al referendum del 12 giugno
    Referendum 2011: i risultati su nucleare e acqua
    Per il referendum sull’acqua anche Vasco Rossi voterà sì
    Il referendum sull’acqua e sul nucleare secondo il punto di vista di Federutility

    723

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AcquaSostenibilità AmbientaleSviluppo SostenibileTop GreenTutela Ambientale
    PIÙ POPOLARI