I rincari delle bollette: le energie rinnovabili non influiscono?

I rincari delle bollette: le energie rinnovabili non influiscono?

Braunkohleveredlungswerk Espenhain

I rincari delle bollette rappresentano una grossa difficoltà per le famiglie italiane. Nuove governo, nuove tasse, il collegamento è facile, ma siamo sicuri che sui rincari previsti per il 2012 non intervengano altri fattori da tenere in considerazione? L’Autorità l’Energia fa presente che i rincari sono dovuti anche al rialzo delle quotazioni del petrolio e agli incentivi destinati alle fonti rinnovabili. In questo senso bisogna pensare soprattutto alle spese collegate alle misure messe in atto per riuscire ad adeguare i sistemi di produzione di energia decentrati e intermittenti.

Il ruolo dei combustibili fossili

Braunkohleveredlungswerk Espenhain

A cura di Gianluca Rini

In base ai calcoli che sono stati effettuati da GIFI – ANIE l’aumento dei prezzi delle bollette non può essere imputato alle energie rinnovabili e al fotovoltaico in particolare, visto che l’energia solare ha una responsabilità che è pari solo al 15%, mentre il 76% degli aumenti sono da ricondurre alla variazione dei costi dei combustibili fossili e il 9% all’aumento di tutti gli altri oneri di sistema, che comunque hanno un certo peso nella faccenda.

Ecco che cosa ha dichiarato Valerio Natalizia, presidente GIFI – ANIE a proposito della situazione in Italia:

L’aumento del prezzo medio di riferimento dell’energia elettrica per il I trimestre del 2012 non è imputabile agli incentivi erogati a sostegno dell’industria fotovoltaica italiana se non per una minima parte.

La responsabilità degli impianti solari sui terreni agricoli

rincari bollette impianti solari terreni agricoli

A cura di Gianluca Rini

Per l’aumento dei prezzi è stata attribuita una certa responsabilità anche agli impianti solari installati sui terreni agricoli. Ma, secondo l’opinione del presidente GIFI – ANIE, si tratta soltanto di un tentativo strumentale, visto che recenti analisi hanno dimostrato che la superficie agricola occupata dagli impianti fotovoltaici è veramente minima.

Valerio Natalizia spiega l’importate ruolo svolto dallo sfruttamento delle ecoenergie nel nostro Paese:

Il IV Conto Energia ha introdotto sensibili limitazioni alla realizzazione di grandi impianti in tali aree. L’utilizzo della tecnologia fotovoltaica ha contribuito nel 2011 alla copertura del 3% circa della domanda nazionale di energia elettrica, evitando i costi per l’importazione dall’estero e rendendo il nostro paese meno dipendente dai precari equilibri geopolitici mondiali.

La responsabilità del petrolio e del fotovoltaico

rincari bollette fotovoltaico

A cura di Gianluca Rini

Secondo Davide Tabarelli, esperto tariffario di Nomisma Energia:

A spingere i nuovi rincari giocano le quotazioni del greggio schizzate negli ultimi mesi ai record di 110 dollari al barile, mai maggiori costi legati alle fonti rinnovabili e ai prezzi di trasmissione. Dopo la stangata sui prezzi della benzina, che l’hanno spinta nei distributori italiani ai massimi d’Europa, arriva un’altra batosta con le tariffe di luce e gas, a conferma che l’energia è il bene più tartassato per i consumatori finali“.

Da gennaio arriva una nuova stangata per luce e gas. L’eccessiva offerta di certificati verdi, l’incremento esponenziale degli incentivi sul fotovoltaico, le agevolazioni fiscali riconosciute anche agli impianti alimentati dai rifiuti sono tutti fattori che possono portare ad un aumento dei costi dell’energia elettrica.

In particolare l’aumento degli impianti fotovoltaici non ha fatto altro che incrementare notevolmente il costo annuo per il sistema elettrico.

Se da un lato il ricorso all’energia pulita è importante in termini di sostenibilità ambientale, dall’altro bisogna tenere conto anche degli svantaggi, che consistono in un aumento notevole dei prezzi delle bollette, nei rincari e nei costi per le famiglie.

L’impatto ambientale ridotto deve per forza essere in contrasto con il risparmio economico? Esiste un modo per conciliare il risparmio energetico con il risparmio economico? Sono delle domande difficili a cui rispondere, ma che lo sviluppo sostenibile dovrebbe prendere in considerazione.

784

Segui Ecoo

Ven 06/01/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Max 3 gennaio 2012 22:31

Se negli ultimi vent’anni si fosse investito già sulle rinnovabili seriamente, a quest’ora i rincari non ci sarebbero più, anzi staremmo meglio (dal punto di vista energetico) di Germania, Francia e Paesi del Nord Europa! e invece nel 2011 in Italia si è dovuto parlare ancora di nucleare e si è rimasti a guardare inermi gli aumenti di benzina, gas e altro!
Se finalmente si investirà sulle rinnovabili saranno soldi ben spesi!

Rispondi Segnala abuso
Seguici