I cani provano empatia: la nuova scoperta della scienza

I cani provano empatia: la nuova scoperta della scienza

I cani provano empatia: è il risultato di uno studio dell'Università di Pisa

da in Animali, Animali Domestici, Cani
Ultimo aggiornamento:

    cani empatia

    I cani provano empatia: lo dice la scienza, che, con una nuova scoperta, mette l’accento sulla possibilità per gli animali di provare delle emozioni. I nostri amici a quattro zampe sono capaci di sperimentare un vero e proprio contagio emotivo nei confronti dei loro simili. Ad arrivare a questi risultati è stato uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Royal Society Open Science. La ricerca è stata effettuata osservando nell’agosto del 2012 nel Parco della Favorita a Palermo il comportamento di 49 cani dai 3 ai 72 mesi di età.

    In particolare sono state prese in considerazione la mimica facciale, come la bocca chiusa, e quella del corpo, come l’inchino giocoso. Le 50 ore di video sono servite a scoprire delle reazioni degli animali involontarie e molto rapide ai movimenti facciali dei loro simili. Elisabetta Palagi ha spiegato che esiste una risposta involontaria dell’animale ai gesti della faccia e del corpo di un proprio simile e che questa reazione avviene molto rapidamente, proprio come accade negli esseri umani.

    E’ stato visto anche che la durata delle sessioni di gioco in cui si è registrata una maggiore mimica facciale era più lunga. E il gioco durava di più anche se i cani si erano già visti e conosciuti in precedenza.

    La ricercatrice spiega che proprio la capacità di leggere le emozioni attraverso i movimenti del corpo e di reagire adeguatamente è alla base dell’evoluzione del comportamento prosociale, quello che viene classificato come empatico. L’etologa ha sottolineato il fatto che anche questa volta, come dimostrano i risultati della ricerca, abbiamo scoperto di essere “più simili ad altri animali sociali di quanto non vorremmo credere”.

    I risvolti positivi di questo studio e di altre ricerche dello stesso tipo nell’ambito della ricerca scientifica sono innumerevoli, perché ci permettono di scoprirne di più sul nostro comportamento e sulla condivisione delle emozioni negli altri animali. Elisabetta Palagi ha spiegato, infatti, che in futuro si spera di poter studiare la mimica anche nei lupi, per capire se il fenomeno riscontrato avvenga soltanto a causa del processo di domesticazione o se sia radicato nell’evoluzione dei carnivori sociali.

    Guarda anche:
    - 10 cose che non sai sui cani
    - Come rendere più lunga la vita di cani e gatti
    - I falsi miti sull’alimentazione per cani e gatti

    493

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnimaliAnimali DomesticiCani
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI