I cambiamenti climatici ridimensionano gli animali del mondo

I cambiamenti climatici ridimensionano gli animali del mondo

I cambiamenti climatici influiscono sullo stato del Pianeta Terra ma anche sulla vita degli animali del mondo, che ora tendono a rimpiccolirsi

    cambiamenti_climatici_animali_mondo

    I cambiamenti climatici portano una serie di conseguenze importanti, non solo correlate al riscaldamento globale. Uno studio di Singapore ha notato come gli animali del mondo rischino di avere negli anni dimensioni sempre più ridotte: i mutamenti, anche se minimi, possono portare mutamenti sostanziali nell’equilibrio tra animali.

    Per una migliora protezione degli animali sarebbero necessarie adeguate misure che comprendano anche la tutela ambientale: se due centimetri in meno per un insetto possono sembrare a prima occhiata un cambiamento irrilevante, studi scientifici più approfonditi dimostrano che questo possa influire in modo importante sulla catena alimentare. La biodiversità infatti, sempre più precaria, rischia di incorrere in un nuovo distruttivo assetto, come afferma anche il professore David Bickfor del Dipartimento di Scienze Biologiche di Singapore.

    Le alte temperature che hanno caratterizzato questi ultimi anni di vita del Pianeta Terra stanno influenzando molte specie di animali: il problema di questo loro ridimensionamento è che non si capisce quando si potrebbe interrompere questa spirale negativa.

    Il processo alla base di questa situazione è semplice e consiste nella necessità di cibo da trasformare in energia che ogni animale sente: chi vive in un ambiente più caldo prova questo bisogno in maniera minore e quindi si nutre con quantità inferiori. Essendo così forte il riscaldamento globale, qualsiasi animale oggi si ciba con minori alimenti rispetto ai suoi simili che sono vissuti qualche anno prima. L’unico eventuale vantaggio è in una maggiore durata di vita: essendo più agili, gli animali riusciranno infatti a scappare più facilmente dai predatori. Ma anche questo, alla lunga, potrebbe diventare un problema nell’ottica della catena alimentare.

    329

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI