I batteri dei ghiacciai dello Stelvio per ripulire gli ambienti inquinati

I batteri dei ghiacciai dello Stelvio per ripulire gli ambienti inquinati

Alcuni batteri ritrovati nei ghiacciai dello Stelvio possono svolgere una funzione molto importate nella lotta contro l’inquinamento

da in Conservazione ambiente, Inquinamento Ambientale, Inquinamento Aria, Sostenibilità Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    batteri ghiacciai stelvio ambienti inquinati

    Alcuni batteri ritrovati nei ghiacciai dello Stelvio possono svolgere una funzione molto importate nella lotta contro l’inquinamento. Un’apposita ricerca scientifica dell’Università Cattolica di Piacenza ha infatti messo in evidenza che i batteri in questione sarebbero utili per ripulire gli ambienti inquinati, perché sono in grado di degradare i composti organici responsabili dell’inquinamento dell’aria, come, ad esempio, gli idrocarburi prodotti dalla combustione dei derivati del petrolio. Si tratta soprattutto di batteri come il Frigobacterium, il Polaromonas e il Micrococcus antarcticus.

    Una scoperta molto interessante, se si considera che le emissioni nocive e l’inquinamento saranno in crescita dal 2012. Una questione che non può essere ignorata, anche perché, per combattere l’inquinamento dell’aria, bisogna capire la pericolosità delle polveri sottili.

    Nonostante, proprio in tema di inquinamento dell’aria, anche dall’UE sono state messe a punto misure per difendere la qualità dell’aria, molto si può e si deve ancora fare per risolvere il problema.

    Forse i batteri dei ghiacciai possono essere una soluzione, seppure al di fuori del consueto? Secondo gli esperti a destare maggiore interesse è un batterio della specie Pseudomonas, che si nutre degli idrocarburi policiclici aromatici.

    Occorrono tuttavia altre ricerche comunque per comprendere fino in fondo le potenzialità del microrganismo nel processo di tutela ambientale. I risultati relativi alla biodiversità batterica rintracciata nei ghiacci sono comunque molto promettenti, quindi non resta che stare a vedere i passi che verranno compiuti.

    312

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Conservazione ambienteInquinamento AmbientaleInquinamento AriaSostenibilità Ambientale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI