Greener Gadget Competition: innovazione ecologica

Greener Gadget Competition: innovazione ecologica

il 25 febbraio verrà premiato a New York il progetto vincitore del "Greener Gadget Competition", la competizione che riguarda gadget ecosostenibili e invenzioni d'interesse ambientale

da in Ecodesign, Innovazione, Primo Piano, Sviluppo Sostenibile, Materiali ecologici
Ultimo aggiornamento:

    Il 25 febbraio 2010 verrà premiato il vincitore della super-competizione ecologica di idee e progetti ecosostenibili che prende il nome di “Greener Gadget Competition“. Teatro della manifestazione sarà il McGraw-Hill Conference Center di New York, che vedrà sfidarsi 18 invenzioni utili sia per gli utenti che per l’ambiente. La curiosità è che sarà possibile votare direttamente online il progetto eco-friendly che reputano più divertente o curioso. Le idee in gara sono veramente interessanti e meritano di essere approfondite. Vediamo insieme la situazione attuale.

    In pole position provvisoria, con 15.336 voti c’è il “Go Mechanical Charger” ovvero un esclusivo caricabatterie per cellulari capace di sfruttare il corpo umano per fornire energia, o meglio il calore emesso. Questa interessante proposta proviene da Elephang Designer, azienda indiana (territorio dove il mercato della telefonia si sta espandendo notevolmente). Altro progettino in vetta alla classifica è l’”Aug“, ovvero un innovativo sistema di tracciabilità della filiera agroalimentare e capace, tramite sms, di fornire nel dettaglio le caratteristiche dei prodotti.

    Autori di questa trovata sono quattro studenti provenienti dagli Stati Uniti.

    Sebbene la manifestazione abbia sempre riscosso un discreto successo di pubblico, in molti l’hanno criticata. In particolare qualcuno sostiene che, sebbene la competizione sia aperta a tutti i Paesi del mondo, nel 2009 sul podio sono finiti solo americani. Malgrado questo, noi italiani possiamo essere fieri di avere tra gli esponenti della giuria un nostro connazionale: si chiama Leonardo Amerigo Bonanni, è italo-americano, ha 33 anni, laureato in Architettura alla Columbia University e attualmente dottorando al Mit Media Lab, dove tral’altro è nel team dei ricercatori e insegnante di Design Ecosostenibile.

    Immagini tratte da:
    corriere.it

    320

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EcodesignInnovazionePrimo PianoSviluppo SostenibileMateriali ecologici
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI