Green night, le discoteche diventano ecosostenibili

Green night, le discoteche diventano ecosostenibili
  • Commenti (1)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

green night discoteche ecosostenibili

Green night è il nome di un progetto sorto due anni fa a Bologna, che anche quest’anno ha ottenuto un buon successo nella nuova edizione. L’obiettivo è quello di rendere le discoteche ecosostenibili, per un divertimento sano, consapevole e nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale. Quest’anno il progetto è stato messo a punto in tre diverse serate. La prima serata è avvenuta il 28 aprile a Reggio Emilia, al Fuori orario. Successivamente una notte green si è svolta al Locomotiv Club di Bologna. La prossima serata si terrà al Velvet Club di Rimini, sabato 19 maggio.

Come ha spiegato Sara Branchini, del Centro Antartide di Bologna, promotore dell’iniziativa, “Sono previsti interventi che ciascun locale può attuare. Proponiamo un protocollo redatto anche con esperti di Legambiente. I locali aderenti hanno gradi di coinvolgimento diversi. La Regione Emilia Romagna ha contribuito fornendo finanziamenti“.

L’obiettivo è proprio quello di attuare il risparmio energetico. E tutto questo si può fare anche con il coinvolgimento delle persone che partecipano alle serate, oltre che con specifici strumenti per risparmiare energia. Ad esempio si mette in pratica un sistema di illuminazione a basso consumo energetico e si utilizzano fonti alternative per la produzione dell’energia necessaria per la serata.

Nei rubinetti dei bagni dei vari locali vengono installati dei riduttori di flusso, inoltre per servire le bibite sono usati biccheri in materiali ecocompatibili, che possono essere smaltiti tra i rifiuti organici, seguendo ovviamente il principio della raccolta differenziata.

Inoltre ai clienti viene rivolto un invito molto particolare, quello di raggiungere il luogo della serata senza l’automobile, ma con l’uso di mezzi alternativi, all’insegna della mobilità sostenibile, come bibiclette o mezzi pubblici.

Al Fuori orario di Reggio Emilia è stato previsto inoltre un sistema particolare nelle cucine, chiamato Ecogriglia. E’ a tutti gli effetti un metodo ottimo per convogliare il calore catturato dalle griglie per la cottura degli alimenti nei sistemi di riscaldamento dell’acqua del punto di ristoro.

Sempre nello stesso locale inoltre non sono state servite bibite in bottiglia, ma solo alla spina, in bicchieri biodegradabili. Degli accorgimenti necessari per divertirsi e rispettare l’ambiente.

406

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Ven 18/05/2012 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Elena 18 maggio 2012 19:14

Quando si prendono le notizie dal sito del Corriere, sarebbe opportuno citare la fonte

Rispondi Segnala abuso
Seguici