Green economy: Onaee per l’economia sostenibile

L'Onaee è l'Osservatorio nazionale attività economiche sostenibili e ha il compito di fare da intermediario tra politica e imprese in vista di scelte economiche ecocompatibili

da , il

    green economy onaee economia sostenibile

    La green economy può contare sull’Onaee in favore dell’economia sostenibile. Si tratta dell’Osservatorio nazionale attività economiche sostenibili, che ha l’importante compito di svolgere una non trascurabile funzione di mediazione fra la politica e le imprese. D’altronde le scelte economiche attuate in vista della sostenibilità ambientale non rappresentano un affare di poco conto. La green economy è il punto di svolta per riuscire ad assicurare la messa in atto di strategie adeguate anche nella lotta all’aumento delle temperature globali e ai cambiamenti climatici.

    Proprio per questo occorre un’istituzione che presti attenzione agli investimenti sostenibili. Puntare su un tipo di economia a basso impatto ambientale è importante per la conservazione dell’ambiente. E in questo senso, specialmente negli ultimi tempi, sono stati fatti molti passi avanti. A questo proposito è da ricordare l’incontro tra Vendola e Schwarzenegger in tema di green economy. Qualcosa in sostanza si sta facendo per arrivare a risultati più concreti.

    In particolare le aziende italiane si dimostrano piuttosto disposte ad investire sull’ecocompatibilità, adottando comportamenti sostenibili, in modo da ridurre il più possibile l’impatto sull’ambiente. In sostanza la green economy considera l’ambiente come investimento. L’Onaee ha anche l’obiettivo di avviare apposite indagini, in modo da riuscire a comprendere più a fondo quali sono le richieste delle imprese per adattarsi ad esse.

    Raffaele Di Mario, presidente dell’Onaee, ha spiegato:

    La green economy deve rappresentare il punto di partenza dell’economia post-crisi. I più importanti governi mondiali hanno destinato parti consistenti dei pacchetti di stimoli economici ad investimenti ecosostenibili. L’Italia non può e non deve rimanere indietro.