G8: LifeGate intervista su YouImpact il Ministro dell’Ambiente

G8: LifeGate intervista su YouImpact il Ministro dell’Ambiente

Qualche tempo fa vi avevamo accennato alla nascita di YouImpact, la piattaforma online di LifeGate per la diffusione della cultura della sostenibilità ambientale

da in Gas serra, Impatto Zero, Mutamenti Climatici, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    Cascata

    Qualche tempo fa vi avevamo accennato alla nascita di YouImpact, la piattaforma online di LifeGate per la diffusione della cultura della sostenibilità ambientale. Ecco l’intervista, rilasciata in esclusiva ai microfoni di YouImpact, al Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo sulle finalità e l’importanza del vertice G8 appena concluso.



    A Simone Molteni, direttore del progetto Impatto Zero® di LifeGate, primo progetto italiano ad occuparsi del problema dei cambiamenti climatici, riducendo e compensando le emissioni di Co2, il Ministro Prestigiacomo ha sottolineato l’importanza ed i risultati positivi di un appuntamento strategico quale quello del G8 che si è tenuto quest’anno all’Aquila, nell’ambito del quale, ed in vista dell’incontro internazionale delle Nazioni Unite del prossimo dicembre a Copenhagen, è stato firmato il “patto per l’ambiente” fra il nostro governo ed alcune tra le principali realtà economiche italiane con la proposta di investimenti per ben 12 miliardi di Euro nei settori della green economy.

    Secondo il Ministro, un altro aspetto positivo del vertice è stata l’attenzione posta alle tematiche di conservazione ambientale e all’importanza della biodiversità, con l’inserimento nel testo dei leader dell’impegno al rispetto della Carta di Siracusa stilata nel corso del G8 Ambiente proprio sulla tutela della diversità ambientale.

    E l’attuale amministrazione americana sta dando una spinta propulsiva non indifferente a quello che sarà lo scenario futuro della protezione ambientale.

    Lo stesso fondatore di LifeGate, Marco Roveda, ha commentato positivamente i risultati del G8 ponendo l’accento sul fatto che la percentuale di riduzione delle emissioni di CO2 prevista per il 2050 richiederà un impegno annuo di una diminuzione del 2% nella produzione di gas serra sul quale occorrerà vigilare affinché il tutto non si risolva in una mera operazione di marketing di facciata. Le interviste integrali al Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo e a Marco Roveda sono disponibili su www.youimpact.it

    Immagine tratta da:
    www.autodemolizionetrincar.it

    472

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Gas serraImpatto ZeroMutamenti ClimaticiPrimo Piano
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI