Fare la carta in casa in maniera ecologica

Fare la carta in casa in maniera ecologica

Fare la carta in casa è semplice, grazie a questa mini guida che vi segue passo dopo passo

da in Deforestazione, Primo Piano, Riciclo Carta, Carta
Ultimo aggiornamento:

    Fare la carta in casa

    Produrre della carta ecologica in casa è possibile in maniera rapida ed economica. Cerchiamo in questo post di spiegare, passo dopo passo, in che modo sia possibile riciclare vecchi fogli, e ottenere delle pagine cui dare nuova vita, contribuendo a risparmiare denaro, e migliorando il nostro impatto sull’ambiente circostante.

    Cosa occorre per fare la carta

    Fare la carta in casa
    Per produrre della carta è essenziale munirsi di alcuni prodotti facilmente reperibili. Occorre innanzitutto dell’acqua, un contenitore ampio, dei giornali da riciclare, una spugna, un phon, uno strumento per pressare (va bene anche un mortaio da cucina), una bacinella grande, dei fogli di formica, un piccolo telaio di legno, un setaccio con delle maglie da un millimetro, o poco meno.

    Prima fase: ottenere delle fibre

    Fare la carta in casa
    Per prima cosa, prendiamo la carta di giornale e immergiamola nell’acqua. Quindi, una volta spremuta per togliere l’acqua in abbondante eccesso, sminuzziamola nel nostro strumento di pressione (il mortaio da cucina), fino ad ottenere una sorta di pasta che, vista la consistenza dei giornali riciclati, sarà presumibilmente di colore scuro. A questo punto, prendiamo il composto e immergiamolo in una bacinella d’acqua, dove mescoleremo il tutto fino ad ottenere una massa di fibre in superficie.

    Seconda fase: dalle firbe al foglio rudimentale

    Fare la carta in casa
    Prendiamo il telaio nel quale avremo installato il setaccio, e immergiamolo nella bacinella, estraendolo poi molto lentamente.

    Il risultato dovrebbe essere un leggerissimo strato di fibre, dal quale dovremo far scorrere via l’acqua (agite sempre molto lentamente, o il materiale che ne uscirà sarà poco omogeneo). A questo punto, poggiamo il foglio di formica sul composto di fibre, e premiamo affinchè tali fibre aderiscano, senza eccessi d’acqua, al foglio, aiutandoci con una spugna.

    Terza fase: ecco il foglio di carta

    Fare la carta in casa
    A questo punto occorrerà stacca il foglio di formica dal telaio / setaccio, facendo attenzione che il composto di fibre rimanga attaccato alla formica e non al telaio. Usiamo il phon per asciugare il foglio e, se abbiamo agito correttamente, dovremmo aver ottenuto una pagina bianca, con diversi gradi di opacità o lucidità. Ripetete l’esperimento più volte, e raggiungerete certamente il livello ideale di confidenza con il procedimento.

    Se l’argomento è di vostro interesse, potete consultare anche questi altri post che abbiamo recentemente pubblicato:

    Carta: 5 modi per riutilizzarla e riciclarla
    Riciclo creativo di plastica, carta e vetro
    Riciclo carta: raccolta triplicata in soli 10 anni
    Consumo critico: acquistare carta anti-deforestazione

    659

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DeforestazionePrimo PianoRiciclo CartaCarta
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI